Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Nello Dipasquale, ex sindaco di Ragusa e deputato regionale, lascia Territorio, gruppo parlamentare che aveva fondato e guidava in assemblea e, “su richiesta del presidente della Regione, in un’ottica di rinnovata collaborazione”, approda alla lista Crocetta. “Più volte – scrive Dipasquale in una nota – ho ribadito la valenza del progetto politico che il governatore sta portando avanti per il futuro della Sicilia. A testimonianza della nostra collaborazione attiva e concreta, ho deciso di aderire al gruppo consiliare Lista Crocetta”. Il governatore esprime soddisfazione, ma i deputati di Territorio accusano l’ex sindaco di Ragusa di autoritarismo. I veleni della composizione delle liste producono da subito i loro effetti. Di Pasquale sottolinea che la sua “è una scelta personale, fatta dopo le richieste del governatore che più volte mi ha invitato a fare parte della sua Lista essendo stato tra l’altro il primo degli eletti alle regionali proprio nella sua compagine” e che comunque il gruppo del Mpt all’Ars sarà sciolto. “Nessuno degli attuali componenti del gruppo parlamentare, a parte me, è iscritto al Movimento per il territorio – afferma – Il Mpt sono io dunque e diffiderò chi intenda usare il nome del Movimento”. Ma gli altri deputati del gruppo, Alice Anselmo (vicecapogruppo), Marcello Greco, Salvatore Lo Giudice e Gianfranco Vullo rendono noto intanto di avere inviato ieri una lettera di sfiducia a Dipasquale. “La vita del gruppo da più di un mese è caratterizzata da iniziative personali del capogruppo che non trovano riscontro nella volontà e nei disegni perseguiti dal gruppo – scrivono i deputati -. Il gruppo parlamentare non può muoversi ignorando l’esistenza di un movimento politico mai coinvolto nelle decisioni assunto a nome del gruppo”. Per i deputati “questo modo autoritario offende il metodo democratico e getta pericolose ombre su tutto il movimento ingenerando l’equivoco che lo scopo dell’esistenza del gruppo sia quello di elemosinare una qualche evidenza di governo o di rivendicare spoglie”. “Finora – conclude la lettera – i riconoscimenti conseguiti dal gruppo sono dovuti all’apprezzamento manifestato dai colleghi parlamentari nei confronti di singoli colleghi del gruppo”. A scatenare la tensione nel gruppo, la composizione delle liste per le Politiche. A quanto si apprende, una parte del movimento sarebbe stata intenzionata a scendere direttamente in campo, magari aderendo al progetto del Centro democratico di Tabacci, senza però trovare una sponda in Dipasquale. “Passeremo al gruppo misto ed entro un paio di giorni con altri parlamentari costituiremo un nuovo gruppo all’Ars – dice all’Ansa il deputato regionale Marcello Greco -. Sono molto amareggiato per come Dipasquale ha condotto questa vicenda. Noi ribadiamo comunque il sostegno al governo Crocetta. Non ho nulla contro Dipasquale, sono felice che finalmente otterrà quell’assessorato che gli era stato promesso da Crocetta – aggiunge Greco – Ma il movimento esce da questa storia con le ossa rotte. Io assieme agli altri colleghi adesso lavoreremo per la formazione di un altro gruppo e speriamo ora di poter fare politica piu serenamente”. Rosario Crocetta, dal canto suo, gongola: “Con immensa soddisfazione ho appreso le dichiarazioni dell’onorevole Nello Dipasquale che ha confermato come sempre il suo sostegno al presidente e al governo regionale, rafforzando lo stesso con un passaggio diretto al gruppo Lista Crocetta”.

Fonte: Live Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Liberi Consorzi, in primavera torna elezione diretta di presidente e Consiglio

L’Assemblea Regionale Siciliana, con un blitz alla vigilia di Ferragosto, ha cancellato 5 …