Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Di sicuro non ci ha creduto fino in fondo la Libertas, che si è fatta sopraffare in casa dalla squadra dell’Angelo Custode, prima in classifica a punteggio pieno. I tre set disputati hanno messo in luce, però, un’evoluzione delle ragazze di casa alle quali si può rimproverare solo qualche errore di troppo dovuto alla giovane età ed all’inesperienza rispetto alle avversarie più adulte e già ben rodate. Sicuramente ha influito moltissimo la mancanza di alcune pedine importanti decimate dall’influenza che, per il loro ruolo, avrebbero potuto dare un input diverso all’andamento della gara. Nel primo set, perso dalla Libertas per 10 a 25, le giovani santacrocesi, forse intimorite dalle avversarie, hanno opposto una debole resistenza, ma già dal secondo set, resesi conto che, sul campo, le priolesi non erano così forti come si pensava, ma solo più esperte, hanno cercato di aggiungere un po’ di grinta, perdendo per 16 a 25. Il terzo set, invece, le ha viste più decise e, sfruttando gli errori dell’altra squadra, hanno combattuto allo stremo, pur perdendo per 23 a 25. Una sconfitta, per le fanciulle della presidente Azzaro, sicuramente bruciante, che però ha dato loro maggiore consapevolezza in merito alle loro potenzialità.  “Il sogno non si è avverato – ha ammesso Carmela Azzaro – ma non ci vogliamo appellare alle assenze. Nello sport ci stanno e si deve lavorare con il materiale che si ha. Forse hanno avuto troppa paura di loro nei primi due set. Il terzo lo hanno giocato. Le ragazze dell’altra squadra sono brave, ma non sono imbattibili secondo me. Ci sono stati molti errori e quando perdi non perché l’altra squadra ha fatto i punti, ma perché glieli hai fatti fare tu il rammarico è ancora più grande. Noi comunque ci proviamo a salire in questa categoria”. Anche l’allenatore è perfettamente in linea: “Noi non abbiamo giocato il primo set – ha detto Carlo Guinicelli– . Il primo approccio è stato titubante, poi inizi a giocare e ti rendi conto che dall’altra parte non c’è nessuno di così imbattibile, nel terzo set siamo stati forti. Se avessimo cancellato il primo set, questa partita potevamo portarcela a casa, avremmo vinto per 3 a 2. Loro hanno solo una persona che attacca, dopodiché non hanno gioco e sono state molto graziate dall’arbitro. Se oggi ci fossero state le altre due ragazze, che danno carisma e bilanciano la squadra, equilibravamo le due cose. Chi ha giocato ha giocato bene, solo il primo set rimprovero loro”. Sabato 16 febbraio, tutti a sostenere le ragazze della Libertas nella palestra Santa Rosalia, che saranno impegnate in Coppa Trinacria contro la Ionio Volley,  giocandosi l’accesso in semifinale . Una partita secca, chi vince va avanti.

Antonella Galuppi

Un Commento

  1. tutti sperti siemu

    10 febbraio 2013 a 19:52

    L’allenatore si comporti da tale e insegni alle ragazze tutto ciò che si deve sapere, ogni singola cosa accurata ni minimi dettagli. Preparatele fisicamente e concentratevi ove le ragazze peccano, preparatele mentalmente: nessuno è invincibile. Abbiamo una squadra che ha grandi potenzialità, UTILIZZIAMOLE al meglio facendo emergere TUTTA la bravura. La prossima volta che vengo nella palestra Santa Rosalia non voglio veder perdere questa meravigliosa squadra!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, replica del Santa Croce alla Real Boys: “Troncata ogni collaborazione”

Al comunicato reso qualche giorno fa dall’A.S.D. Real Boys Santa Croce (clicca qui p…