biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

“Cash trapping”: Votadoro e Guarino avevano truffato altre due volte nei bancomat di Ragusa

0 209

Dopo gli arresti dello scorso 5 febbraio di Emanuele Votadoro, catanese di 41 anni, e Daniela Giusi Guarino, ragusana di 37 anni, entrambi con precedenti specifici, in quanto sorpresi a rubare la somma di 250 euro presso il bancomat della Banca Agricola Popolare di via Risorgimento a Ragusa con la tecnica del “cash trapping”, la Squadra Mobile ha sviluppato l’indagine senza soluzione di continuità mirata attività info – investigativa al fine di risalire ad ulteriori episodi criminosi riconducibili alla coppia. In effetti sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Ragusa, il personale della IV Sezione – Reati contro il Patrimonio, è riuscito a risalire ad altri due colpi messi a segno da Votadoro e Guarino, specificatamente il 23 dicembre 2012 sempre presso la stessa filiale, e il 5 febbraio scorso, prima di essere arrestati in flagranza di reato, presso la filiale della Bapr di Viale delle Americhe. Nei due episodi i malviventi riuscivano a sottrarre agli ignari clienti la somma di 250 euro per ciascun prelievo, utilizzando un dispositivo in metallo che viene incollato con silicone nel bocchettone per l’espulsione del contante e del biadesivo che veniva cosparso nella parte interna del profilo e/o barra in metallo, al fine di trattenere le banconote appena erogate all’ignaro cliente. Appena quest’ultimo si allontanava dallo sportello credendo in una anomalia nel sistema, i criminali ritornavano presso gli sportelli e staccavano il profilo con ancora attaccate le banconote del precedente prelievo. Grazie alla visione delle immagini delle telecamere degli istituti bancari e ad ulteriori riscontri acquisiti attraverso attività tecnica, si è riusciti ad individuare proprio i due malfattori quali gli autori dei furti. Sulla vicenda è stato emesso avviso di conclusione delle indagini preliminari finalizzato al rinvio a giudizio, puntualmente notificato agli indagati.

Redazione

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.