Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

E’ tornato a riunirsi, dopo circa quattro mesi, il consiglio comunale di S.Croce. Fin dalle prime battute si è intuito che non era una serata delle migliori, difatti il consigliere di minoranza Gianni Brullo si lamentava di aver ricevuto la convocazione per la seduta solo lo stesso giorno e pare che la medesima sorte sia toccata anche ad un altro consigliere di minoranza, Gaetano Pernice, assente in aula. Il gruppo d’opposizione chiedeva il rinvio di qualche giorno della seduta per permettere ai consiglieri avvisati in ritardo di prendere atto dell’ordine del giorno e documentarsi. La maggioranza, con un apposita votazione, oppone il veto al rinvio, la seduta deve continuare. A quel punto, la minoranza abbandonava i lavori. I punti all’ordine del giorno vengono esitati e votati con il solo apporto della maggioranza. Passa l’adesione all’iniziativa della commissione europea per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica (patto per i sindaci), viene votata favorevolmente la delibera relativa al regolamento comunale per l’istallazione e gestione di dehors e chioschi, con strutture precarie. Viene messo ai voti il recesso dalla partecipazione al Consorzio Valle dell’Ippari e alla So.Ge.VI. Rinviata la delibera consiliare n54/11, commissione consiliare speciale Determinazioni, come anche la discussione sull’interrogazione presentata dai consiglieri di minoranza e di Puglisi, perché gli interroganti non erano presenti ai lavori. Le scintille iniziano quando si devono discutere due interrogazioni del consigliere Puglisi. La Presidente del Consiglio, Maria Zisa, viene attaccata dal Puglisi rea di aver messo in discussione le interrogazioni oltre i venti giorni chiesti dall’interrogante. Seguono battute piccate dall’una e dall’altra parte e, dopo circa un’ora e mezza dall’inizio, avendo esaurito i punti, la seduta viene sciolta. Ma non è finita, il consigliere Puglisi, ai nostri microfoni, chiede le dimissioni del sindaco, affermando: “ Ha vinto le elezioni per soli tre voti, togliendo quelli che ho portato io, che sono stati 64, è palese che non ha più la maggioranza politica perché il sottoscritto non ne fa più parte da un bel pezzo.”. Nei video, a fondo pagina, vi proponiamo le interviste realizzate con: Carmelo Portelli, Luca Agnello e Giovanni Puglisi.

Salvo Dimartino

 L’INTERVISTA AL CONSIGLIERE CARMELO PORTELLI

[youtube]63wbpch_3tM[/youtube]

 L’INTERVISTA AL CONSIGLIERE LUCA AGNELLO

[youtube]MNXI5efFWYs[/youtube]

L’INTERVISTA AL CONSIGLIERE GIOVANNI PUGLISI

[youtube]h6eRz7SWm78[/youtube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il comune di S.Croce contro la violenza sulle donne: il programma di sabato

L’amministrazione Comunale di Santa Croce Camerina, con un programma di iniziative, …