Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Un progetto organico per rendere pienamente fruibile la fascia costiera camarinense. Il Partito Democratico che sostiene l’amministrazione Iurato detta le priorità. Si inizia con la raccolta differenziata che dovrà essere estesa, in via sperimentale, anche sul litorale, poi la pulizia e il decoro degli arenili. Ventitre i punti doccia, uno in più rispetto alla scorsa estate, che saranno instarenili nelle spiagge. “Una serie di interventi a medio e a lungo termine – spiega il segretario cittadino del Pd, Gaetano Farina – per rendere più accogliente il nostro territorio reso celebre dalla fiction del commissario Montalbano, a partire dal piano viabilità alle aree adibite a parcheggio. Dal mese di febbraio, insieme alla coalizione “Il Paese che vogliamo”, lavoriamo per un grande progetto da mettere a punto nel più breve tempo possibile”. La scorsa estate ci furono molte polemiche per la mancata presenza del servizio dei bagnini nel litorale, quest’anno si corre ai ripari. “Vogliamo prepararci nel modo migliore alla imminente stagione estiva – aggiunge Farina – iniziando da Punta Secca fino a Casuzze”. Oltre ai servizi si pensa anche all’attività politica: la sede del Partito Democratico sarà trasferita in un locale più accogliente per aprire la sezione ai giovani. Tornando agli arenili ed ai fondamentali punti docce, questi verranno posizionati accanto alla sede stradale e le passarelle in legno sulla sabbia che lo scorso anno hanno creato non pochi problemi saranno eliminate. Riguardo la raccolta dei rifiuti vi saranno delle isole ecologiche dove iniziare, seppur in maniera sperimentale, la raccolta differenziata anche nelle borgate a mare. Alcuni contenitori in aree di particolare pregio, vedi punta Secca, saranno eliminati dal centro abitato.

Fonte: Telenova

2 Commenti

  1. Anna

    8 maggio 2013 a 13:09

    Non bisogna dimenticare le strade, visto che sono una delle prime cose che i turisti sperimentano e quindi notano recandosi nel nostro territorio. Oltre alla pulizia delle strade ( eliminare le erbacce, pulire i cassonetti e raccogliere l’immondizia), bisogna pensare alla sicurezza delle stesse. Le strade del litorale, abbandonate da mesi o forse da anni, sono piene di buche pericolosissime. Cosa succede se qualcuno cade e si fa male? Succede che il comune è tenuto a risarcire i danni. Quindi meglio prevenire! Oltre al fatto che il livello di dissesto delle nostre strade è talmente elevato tale da essere un pessimo biglietto da visita per qualsiasi turista italiano e straniere. Mi chiedo spesso : ma i nostri politici hanno mai visitato qualche città del nord oppure zone ad alta vocazione turistica come la riviera romagnola o la zona dei laghi e hanno mai visto come i loro colleghi curano le strade ( con pulizia estrema, cassonetti non in bella vista e fiori nelle rotonde)?

    Rispondi

  2. Giusy

    8 maggio 2013 a 19:02

    Non dimentichiamo neanche il servizio di navetta, che era stata nella precedente amministrazione una bella iniziativa, sia per ovviare ai problemi di parcheggio, sia per permettere anche alle persone non munite di un’auto di venire a Punta Secca o nelle altre frazioni balneari di Santa Croce.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Le risposte di Barone: “Ripristiniamo i wc pubblici. Sicurezza? Serve pazienza”

Il sindaco “più amato degli ultimi trent’anni” – com’è stato definito in modo provocatorio…