biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Fonte Paradiso è la discarica delle bottiglie di vetro. Mandarà: “Serve ordinanza per vietarne abbandono”

1 129

“Faccio appello al sindaco Franca Iurato affiché emetta un’ordinanza sindacale che contrasti l’abbandono incontrollato di bottiglie di vetro nelle piazze, nei parchi, nelle spiagge e in tutto il territorio comunale, soprattutto nelle ore notturne. Le bottiglie vuote, soprattutto quelle rotte, rappresentano un rischio per l’incolumità delle persone, oltre che un problema di decoro e igienico-sanitario per il nostro paese”. Comincia così la nota di Piero Mandarà, ex assessore provinciale e comunale e attuale segretario del movimento ‘Tutti x Santa Croce”. “Si dice che i sogni muoiono all’alba. A Santa Croce no: iniziano al crepuscolo e finiscono a tarda sera. Il problema è, che per sognare, si ricorre alla bottiglia. Decine di giovani e meno giovani, extra-comunitari, provano ad annegare le proprie disillusioni o di crearsene altre, bevendo fino all’ubriacatura più completa. Lo fanno ovunque, in centro come in periferia, ma soprattutto nei luoghi meno frequentanti e in campagna. Spiace constatare che uno dei depositi privilegiati di questa gente sia un luogo simbolo di Santa Croce: Fonte Paradiso. Non più solo carte, sacchetti, incarti e siringhe. Adesso è il vetro a destare maggiore apprensione nei cittadini”. E per questo Piero Mandarà rivolge un nuovo appello: “Spero che la città si renda portatrice di quella civiltà che noi tutti ostentiamo, ma che spesso non siamo in grado di onorare. Solo dando il buon esempio si può pretendere dai nostri “ospiti” lo stesso rispetto per il luogo in cui si vive. Nel frattempo spero che il sindaco adotti un provvedimento utile a debellare il fenomeno delle bottiglie abbandonate”.

Redazione

Luogo confinante “Fonte Paradiso”

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
1 Commento
  1. Franco dice

    E che commento dovrei lasciare? Se li accuso mi dicono che sono razzista, che loro sono che mandano avanti l’economia, che queste cose le fanno anche e forse di più gli italiani…cosa dovremmo dire per sentirci dare ragione? Anche i cani ormai sono stufi dello schifo che c’è in giro. Io sfido chiunque a vedere anzi a trovare una ragazza di 15-16 anni che gira da sola per strada anche di mattina. Noi siamo un popolo civile e una volta questo paese era civilissimo. In via Colombo c’era un vero e proprio “gabinetto pubblico” all’aperto, che hanno dovuto murare. Ma già…dimenticavo…. io sono razzista….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.