Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Iniziati i lavori per la piantumazione degli alberi in via piazza V.Emanuele. A seguito di regolare procedura amministrativa, che ha visto l’aggiudicazione della procedura di gara alla ditta “Azienda Laura Ryolo”, si sta procedendo a deceppare le asole per prepararle ai nuovi alberi da piantumare. “Le aiuole non saranno danneggiate – spiega l’assessore comunale Domenico Aprile – perché gli alberi, già predisposti in appositi contenitori, saranno messi a dimora con un sistema cosiddetto a trivellazione. Obbiettivo primario è quello di formare nel giro di qualche anno un fogliame folto per garantire l’ombra”. Nei prossimi giorni si procederà pertanto alla messa a dimora degli “SCHINUS TEREBINTHIFOLIUS” note col nome di alberi del mastice. Ma il comitato “NO SCHINUS TEREBINTHIFOLIUS”, che a lungo ha contestato la scelta dell’amministrazione comunale, non molla la presa: “Da un paio di giorni sono iniziati i lavori per la piantumazione delle piante in questione che noi del comitato NO SCHINUS a gran voce abbiamo contestato – scrive su Facebook Silvio Rizzo, uno dei membri del comitato – L’assessore addetto si prenda le sue personali responsabilità insieme a tutta la giunta comunale per le conseguenze di tale scelta incompetente, affrettata e sconsiderata! Teniamo conto che stanno piantando in un periodo di caldo con temperature giornaliere oltre i 30 gradi! Un periodo sicuramente poco favorevole e sicuramente non adatto. Ribadiamo, inoltre, tutte le nostre perplessità circa la specie adottata e ribadiamo le problematiche che quest’albero andranno a creare: innanzitutto per la sporcizia – quindi il problema igiene – che il ristorno degli uccelli in piazza creerà. Poi per la caratteristica allergenico e invasiva della pianta. Ai posteri l’ardua sentenza! Cittadini siate testimoni!”.

Redazione

Un Commento

  1. Vitaliano

    26 giugno 2013 a 18:02

    Cari cittadini usate con parsimonia l’acqua !!!.(esclama il Sindaco) aggiungo io ..che ci servirà per irrorare gli alberi in piazza col caldo ne avranno giustamente di bisogno !!! Qualcuno forse non si rende conto che ha utilizzato soldi pubblici.. e sta’ rischiando di “bruciarli” … ma tanto a chi importa ?? cordiali saluti Vitaliano

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Un tesoro riappare dall’antichità: le ruspe ripuliscono la fontana San Martino

Da oggi, grazie al lavoro infaticabile e volontario dell’associazione Arcana e della ditta…