Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Domenica mattina siamo stati attirati da una colonna di fumo nerissimo che si alzava in cielo dai pressi di Casuzze. Lungo la strada comunale 120, appunto la S.Croce–Casuzze, nei pressi di uno slargo che presenta la medesima strada, alcuni ignoti hanno dato alle fiamme della spazzatura, depositata vicino ai cassonetti  proprio lì dislocati. Da quell’area si diramano delle stradine che portano ad alcuni Bed&Breakfast: davvero uno spettacolo indecoroso, oltre che pericoloso, per il lezzo e le sostanze chimiche rilasciate nell’aria, non un bel modo di incentivare le presenze turistiche in zona. E  i controlli? E il senso civico delle persone che hanno appiccato il fuoco all’immondizia che era stata depositata fuori dai cassonetti? Ma non è finita qui, abbiamo fotografato una discarica di inerti e materiali di risulta dell’edilizia a pochi metri da quella nuvola di fumo. Come è possibile che tutto ciò possa avvenire nel più totale anonimato? Come è possibile che nessuno di quelli che controllano il territorio si sia accorto di quello sconcio? Eppure si tratta di un’arteria molto trafficata, sia di giorno che di notte: possibile che nessuno abbia visto niente? Siamo nel pieno della stagione balneare e chi di dovere dovrebbe aprire, anzi, spalancare gli occhi per evitare questi spettacoli poco edificanti, facendo pagare multe salatissime agli autori di queste azioni. Soltanto dando il giusto esempio si potrebbero evitare questi fenomeni di grande inciviltà.

Salvo Dimartino

GUARDA IL VIDEO

[youtube]nY46wSXv8Tw[/youtube]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Libera…Mente: una “panchina rossa” per dire no alla violenza sulle donne

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le don…