Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Giro di vite per il falò che caratterizzano la vigilia di Ferragosto sul litorale di Santa Croce, con centinaia di ragazzi che si radunano per mangiare, bere, divertirsi, lasciando spesso conseguenze a volte anche irreparabili, ai fruitori delle stesse che l’indomani mattina affollano il litorale approfittando della giornata festiva. Una abitudine con la presenza di tende e falò con le spiagge che si trasformano in un mega bivacco. Quest’anno, in linea con gli anni passati, sarà sempre più difficile per i ragazzi organizzarsi perché sono previsti controlli molto più serrati da parte delle forze dell’ordine che sono state sollecitate dal sindaco ad istituire un’apposita task-force tra carabinieri, polizia, vigili del fuoco, polizia municipale e capitaneria di porto, allo scopo di monitorare il lungo litorale delle due borgate, con controlli a tappeto e multe per chi dovesse contravvenire. Il sindaco Franca Iurato, con un’ordinanza, ha voluto ricordare ai villeggianti e ai fruitori del litorale di trascorrere un sano ferragosto, all’insegna del divertimento, senza l’ausilio di fuochi. “ll nostro invito è rivolto a tutti – tiene a precisare il primo cittadino di Santa Croce – a rispettare le norme basilari di convivenza civile e a rispettare un bene così importante che è l’ambiente. Le spiagge libere e fruibili sono un patrimonio della collettività. I controlli saranno intensificati e mi auguro che prevalga, da parte di tutti, il buonsenso. Da parte dell’amministrazione un buon ferragosto a tutti”. La legge regionale vieta l’accensione di qualsiasi fuoco sulla spiaggia, pena una denuncia. Si tratta di una misura a tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico, per evitare il ripetersi di incidenti e ferimenti che ogni anno coinvolgono decine di persone. Ma se negli anni precedenti alcuni comuni avevano ottenuto l’autorizzazione a deputare alcune aree di spiaggia ad ospitare i fuochi, da quest’anno la Regione ha deciso la linea dura.

Redazione

3 Commenti

  1. valentina

    12 agosto 2013 a 16:57

    Ragazzi niente tende niente falò niente ferragosto capito..sempre x colpa di qualche mela marcia pagano sempre gli altri.fanno di tutta l’erba un fascio.è finita raga ,non c’è più niente ormai.

    Rispondi

  2. Dario

    13 agosto 2013 a 11:09

    Ok il faló in spiaggia é giusto che non si deve accendere ci mancherebbe ma le tende si possono mettere non capisco perché danno fastidio o perché non si possono mettere almeno per la notte soltanto … qui come in altre località é strana questa cosa
    Si alle Tende no ai Falò!

    Rispondi

  3. anna

    16 agosto 2013 a 10:17

    Quante belle parole!!! La notte di ferragosto, ore 12.40 spiaggia di Kaukana,ho visto con i miei occhi falò accessi, centinaia di tende, fornelli a gas con tanto di bombola in spiaggia, schermi su cui proiettare video musicali e poi … il mare trasformato in una bacinella che raccoglieva vomito e qualsiasi bisogno corporale, e chissà cos’altro durante la notte.
    Certo l’indomani alle 8.30 il servizio pulizia spiaggia ha funzionato egregiamente, a parte le tende che permanevano e il mare che continua a fungere da toilette!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ la domenica della prevenzione: controlli di glicemia e pressione arteriosa

“Lo screening è vita”: con questo slogan l’Associazione Volontari del Soccorso di Santa Cr…