Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Un parere penalizzante per la comunità di Santa Croce. L’assessorato regionale ha bocciato 15 progetti di strutture alberghiere su 23 presentati. La regione Sicilia ha ammesso solo otto strutture ricettive escludendo dalla proposta di variante, al piano regolatore generale, gli altri quindici progetti ammessi con delibera del consiglio comunale numero 37 del 2011. L’assessorato regionale, nella motivazione, parla di ”interventi che determinano verosimilmente sostanziali impatti negativi sull’ambiente, sul paesaggio, sul sistema marino costiero, sulla salute umana e sulla frammentazione del territorio”. Ma le responsabilità, di natura politica, secondo il leader dell’opposizione, Giovanni Barone, sono da attribuire all’amministrazione retta da Franca Iurato. «Ci saremmo aspettati – spiega il leader della lista civica ”Noi ci Crediamo” – già all’indomani dell’insediamento di questa amministrazione, un’interlocuzione forte con l’assessorato regionale. Sarebbe stato opportuno che l’intera amministrazione si precipitasse tutti i giorni in assessorato, a Palermo, a perorare la causa e ad illustrare bene il progetto ai funzionari regionali. Si potevano, per esempio, coinvolgere i deputati regionali, produrre documentazione e memorie esplicative, ed invece non si è fatto praticamente nulla. Così l’assessorato regionale ha espresso, un parere, a nostro avviso, penalizzante per le attese della città di Santa Croce e di tanti imprenditori che avevano investito nel nostro territorio». Un affondo di natura politica al sindaco e all’intera giunta. «Vorremmo sapere se si è interloquito a livello politico e tecnico con l’ufficio regionale – aggiunge Barone – per illustrare le ragioni e la bontà del progetto nel suo insieme, che riguardava ben ventitre interventi e non solo otto. Gli amministratori comunali hanno letto bene il dispositivo del parere?». Un parere e la relativa motivazione che si scontra, secondo le indicazioni di Barone, con la valutazione di impatto ambientale. «Non si è fatta nessuna considerazione per dimostrare che questo parere è in contrasto con le conclusioni della valutazione ambientale allegata – afferma – che ha ampiamente motivato la sostenibilità delle scelte progettuali. Anche al fine di dare le opportune soddisfazioni ai 15 imprenditori che coraggiosamente avevano scelto di investire a Santa Croce. Non è stato chiesto neppure di argomentare i ”presumibili” impatti negativi sulle componenti elencate al fine di dare le opportune soddisfazioni agli imprenditori. Tra le altre cose ci chiediamo se le 15 ditte escluse sono state messe, in tempo, al corrente della bocciatura del loro progetto». Sull’impatto ambientale l’attuale condizione, caratterizzata prevalentemente da serre a ridosso del mare, è decisamente peggiore, dal punto di vista turistico. L’impatto sul paesaggio, secondo le indicazioni del movimento politico «Noi ci crediamo» era a favore delle strutture alberghiere. «Non si trattava certo né di enormi pali eolici, né di estesi campi fotovoltaici – conclude Barone -. Neppure di ecomostri multipiano. Si trattava, semmai, di interventi ragionevolmente contenuti nei volumi e necessari per lo sviluppo turistico, di un territorio particolarmente vocato al turismo e a cui noi fortemente ancora crediamo».

Fonte: Il Giornale di Sicilia

5 Commenti

  1. anna

    19 agosto 2013 a 11:18

    Per fortuna la regione ha bocciato 15 progetti su 23! Per fortuna c’è qualcuno che mostra raziocinio e competenze in materia. La politica locale come al solito dimostra di pensare solo alle proprie tasche o al proprio tornaconto. Ci devono poi spiegare come pensavano di riempire di turisti per 365 giorni l’anno ben 23 strutture! Mentre il comparto alberghiere soffre negli ultimi anni e licenzia personale anche nelle località siciliane a forte vocazione turistica, a Santa Croce Camerina ci si illude di far lavorare 23 alberghi oltre quelli già esistenti !!! Mah …L’importante è costruire, cementificare, tagliare alberi…Perchè non pensano a costruire parchi, ville comunali, strade, parcheggi , lungomari per quei turisti già presenti nel nostro territorio! Invece di offrire strade piene di immondizia e cassonetti dei rifiuti traboccanti! E così che si vuole continuare a fare turismo?!

    Rispondi

  2. Uno del settore

    19 agosto 2013 a 14:49

    I signori di “noi ci crediamo” dietro la ormai famosa frase “per il bene del paese” si vanno sempre ad infilare in questioni dove si esalta la loro incompetenza, prima dovevano fare aderire gli agricoltori al Cesto Barocco, solo che non si erano accorti che l’iniziativa era già fallita prima di partire. Ora, si sono fissati con i 23 alberghi, e qui un altra apoteosi di incompetenza dell’settore, ma prima di aprire la bocca, perché non vi informate per bene?

    Rispondi

  3. Giovanni Barone

    19 agosto 2013 a 22:19

    Caro amico del “settore” guarda che i 23 progetti non li ha presentati “NOI CI CREDIAMO” ma ben 23 soggetti terzi e sicuramente lontani dalla politica.
    Alcuni dei quali più vicini a te più di quanto tu possa mai immaginare.
    Il cesto barocco è stato citato nella mozione a mo di esempio e per vedere se gli esperti, quelli pagati coi centomila, oltre al copia incolla da Wikipedia, avessero studiato anche tale possibilità.
    Coltivati il tuo settore la politica lasciala perdere.

    Rispondi

  4. delnord

    20 agosto 2013 a 01:03

    Vabbè,venendo al punto i contributi tra fondo perso e varie com’erano già suddivisi in questo affare………..seguendo il modello Mediale o altro a seguire….oops !! Me scappata così, vabbè tanto tutti sanno e tutti tacciono quindi va bene…..no?!

    Rispondi

  5. giovanni

    20 agosto 2013 a 08:41

    BLA BLA E ANCORA BLA…..PRIMA DI PARLARE DI STRUTTURE ALBERGHIERE,PENSIAMO A CREARE LA “MENTALITA” TURISTICA NEL CERVELLO DEI SANTACROCESI,PERCHE PURTROPPO MANCA MOLTO LA BUONA EDUCAZIONE E IL RISPETTO DELLA PERSONA….DEVONO PRIMA ABBANDONARE LA MENTALITA AGRICOLA E POI FORSE SI POTRA PARLARE DI TURISMO….MA PER ADESSO SONO SOLO CHIACCHIERE……

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

L’orto botanico delle meraviglie: caffè, cotone e papaya a due passi da casa

Chi l’avrebbe mai detto o pensato che, a pochi passi dal centro abitato di Santa Croce, es…