2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Cartoline da contrada Grassullo: fra Ragusa e Santa Croce una discarica a cielo aperto FOTO

4 217

Le foto valgono più di mille parole. Ed è questa la situazione che si presenta in c.da Grassullo, al confine fra i comuni di Ragusa e Santa Croce Camerina, sulla s.p.37. E’ domenica mattina: cumuli di spazzatura, comprendenti sacchi neri colmi di rifiuti organici, materassi, copertoni, elettrodomestici di ogni tipo fanno capolino e stonano con il fantastico scenario fornito dalle campagne e dalle immense distese di aree verdi circostanti. La denuncia è del presidente provinciale di Fare Ambiente Salvatore Mandarà: “Al confine tra il comune di S. Croce e Ragusa, nei pressi di una delle più belle aree demaniali degli iblei, ecco cosa si trova a ridosso di una strada provinciale. Le amministrazioni possono essere di destra, di sinistra o grilline, ma i  luoghi e i rifiuti non cambiano. In questo modo si disturbano le ingannevoli aree verdi”. Si tratta dell’ennesima discarica a cielo aperto che non fa onore alla provincia di Ragusa, all’attenzione per l’ambiente di chi la amministra e alla civiltà dei suoi abitanti.

Redazione

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche
4 Commenti
  1. melo dice

    Quel punto appartiene al comunedi ragusa

  2. Giò dice

    Vi siete accorti ora? veramente sono li da + di un mese…

  3. Salvo dice

    Be’…….almeno c’ e’ qualcuno che anche dopo un mese……ha il coraggio il coraggio di denunciare…….la vergogna e per chi non li toglie!

  4. Jennifer dice

    Ve ne state accorgendo solo adesso??
    Bravi, complimenti, vivete proprio nel mondo di Alice nel paese della monnezza,
    questo schifo è li da più di un mese, ma come sempre, NESSUNO FA NULLA,
    e nessuno farà nulla!!!

    La spazzatura non è solo li, a S.Croce , nel bel mezzo del centro abitato, ci sono cumuli di spazzatura, che restano li inerti, senza che nessuno prenda seri provvedimenti!!!
    Vi dovreste solo vergognare a trasformare così le strade.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.