Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Quattro persone, tutte tunisine, alla richiesta dei documenti non sono stati in grado di esibirli. Fermati, sono stati portati nella caserma dei Carabinieri di piazza Celestri a Santa Croce. A questo punto – miracolosamente – per tre di essi i documenti d’identità e soggiorno, passaporti tunisini e permesso di soggiorno, sono magicamente apparsi, portati da un coinquilino allertato via telefono. Il quarto, il più giovane, invece non è stato in grado di esibirli, affermando di averli dal fratello a Ragusa, ma non sapendo il nome della via né essendo in grado di fornire un numero di telefono. I militari dell’Arma hanno verificato che invece il giovane, transitato dal C.A.R.A. di Mineo per motivi umanitari, non aveva poi ottenuto il rinnovo del permesso di soggiorno e quindi si trovava ora illegalmente nel territorio nazionale. Tutti e quattro sono stati denunciati per la violazione dell’obbligo, inerenti al soggiorno, di esibire documento d’identità e permesso di soggiorno ad ogni richiesta della forza pubblica, e rischiano la pena dell’arresto fino a un anno e dell’ammenda fino a euro 2.000. Il quarto, quello clandestino, è stato denunciato altresì per il reato di permanenza illegale nel territorio dello Stato e rischia in aggiunta una sanzione penale da 5 a 10 mila euro. Gli stranieri tutti (extra-UE) hanno l’obbligo di esibire documento d’identità e titolo di soggiorno se richiesto da ufficiali e agenti di pubblica sicurezza, obbligo che sebbene prima fosse limitato a uno dei due documenti, dal 2009 l’obbligo è imposto per entrambi. I controlli, anche utilizzando più pattuglie contemporaneamente, non vengono mai interrotti e anzi, specie nei fine settimana e di notte, vengono rafforzati. I risultati in termini di denunce e arresti ci sono e sono tangibili. La gente che delinque certo non manca, come nel resto d’Italia d’altronde, ma l’impegno finalizzato a prevenire e reprimere le condotte illegali da parte dell’Arma Iblea c’è ed è costante.

Redazione

Un Commento

  1. DUX

    5 settembre 2013 a 18:46

    Rischiano un anno???Ma per fare che cosa per mangiare e bere a spese nostre??Ma rimpatriamoli direttamente che vadano a farsi campare dai loro governi!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa, giovane arrestato per furto di energia elettrica. Controlli a Santa Croce

I Carabinieri della Compagnia di Ragusa hanno eseguito nella giornata di ieri diverse perq…