Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Decide di non servirgli altra birra perché ubriaco e viene aggredita verbalmente. E’ questo l’ultimo episodio preoccupante verificatosi in un bar di piazza Vittorio Emanuele, a Santa Croce, dove la giovane titolare di un bar ha passato un brutto quarto d’ora di fronte all’insistenza di un tunisino, che poi è uscito dal locale e ha sbattuto malamente la porta. Ma non è finita lì. Perché un ragazzo del posto ha deciso di intervenire, sempre verbalmente, per placare l’ira dell’extracomunitario e richiamarlo all’ordine: ma anche stavolta il tunisino non l’ha presa bene, si è avvicinato al “rivale”e gli ha rifilato un morso al braccio, procurandogli una ferita e strappandogli la camicia. Le forze dell’ordine, arrivate poco dopo sul luogo dell’accaduto, sono state indirizzate presso l’abitazione dell’uomo da altri cittadini tunisini, disgustati dal comportamento dell’amico. E’ il secondo episodio di inciviltà in poche ore, dato che venerdì sera, in piazza Mercato (dove stava per andare in scena una commedia teatrale), un extracomunitario visibilmente ubriaco – dopo aver spaccato una bottiglia di vetro ed essere stato richiamato dal sottoufficiale della polizia municipale e da un suo collega – ha attorniato i due vigili assieme ad altri cinque connazionali, prima di allontanarsi e anticipare l’arrivo dei carabinieri. Girateci intorno quanto volete, ma Santa Croce – allo stato attuale – non è affatto una città sicura.

Redazione

12 Commenti

  1. uno dei cittadini

    8 settembre 2013 a 13:43

    e un peccato che abbiano tolto gli alberi in piazza

    Rispondi

  2. straniero

    8 settembre 2013 a 14:01

    io sono uno straniero… ma se fosse per me tutti questi andrebbero come minimo rimpatriati tutti dal primo all’ultimo. perchè rovivano la reputazione di quei pochi extracommunitari che rispettano le regole. nel mio paese gente cosi prima l’avrebbero arrestata poi l’avrebbero portata in caserma e gliene avrebbero date cosi tante da fargli dimenticare il nome. e poi lo avrebbero processato.

    qui invece i carabinieri li vedono e non fanno nnt… li dovrebbero controllare tutti 1 ad 1 sopratutto i tunisini in quanto il 70% è senza documenti…e dediti allo spaccio nella provincia… la colpa è anche di quelli che gli affita la casa…dovrebbero secondo me solo affitarle ai extraccomunitari con famiglie…anche se famiglie tunisine ce ne sono poche.

    Rispondi

  3. extra

    8 settembre 2013 a 16:09

    Assurdo , ci sono proprietari di case che affitano i posti letto, 100 euro a posto letto, immaginate 12 13 persone in una casa fatiscente e quanto becca il BECCO che l’affitta?? li dobbiamo iniziare ad andare, non che tutti abitano in c/da sperdute e gli fanno la residenza , ma insomma ….controlla te quando vengono per la residenza quante persone ci abitano gia’, vero che gli altri saranno abusivi ma gli indirizzi li avete no? a giro fategli dei blitz e tartassate i proprietari, vivono in condizioni fatiscenti, l’imporante che escano i soldi al mese,ma perchè semplici cittadini arriviamo a delle conclusioni o a idee che potrebbero essere utile per la comunita ormai in mano a questi balordi ( non voglio farmne di tutta l’erba un fascio) c’e’ chi lavora ha famiglia ed è tranquillo, ma adesso la cosa sta sfuggendo di mano, il lavoro delle istituzioni si vede , ma sara’ poco in base al numero di organico che sono e non riescono a coprire i turni, insomma aiutateci un appello al prefetto agli organi superiori , il Sindaco che si muova…..la situazione sta sfuggendo di mano, ma cosa volete che ci armiamo di bastoni e spranghe di ferro e chi si vede in giro dopo le 21 in quelle condizioni si iniziasse a menare??? no questo no poi siamo noi gli invcivili mentre chi passeggia a dorso nudo si abbassa i pantaloni a centro di piazza faro e si tocca le parti intime davanti a tutti questo è permesso….si è permesso perche’ fa parte dell’integrazione , anzi del corso educativo e di integrazione… insomma volete capire che siamo stanchi e vogliamo risposte? la zona costiera è un BRONX dove accede di tutto di piu’…..

    Rispondi

  4. ramon

    8 settembre 2013 a 16:14

    Sigillate tutte le case affittate a questa gente , una in regola non c’e’, fanno schifo, fatiscenti , ci sono carenze igienico sanitarie troppa sporcizia , fermate chi sono in giro a tarda sera senza documenti e cacciateli via, l’aereporto c’e’ è una realta’, un aereo al giorno di quelli non a regola e tutto calmerebbe le acque, chi ha un lavoro che ben venga, chi ha famiglia che ben venga, chi deve entrare deve essere garantito da un contratto di lavoro se no si sta dov’e’…….pene severe a chi li tiene..ma state capendo che ci stanno mettendo i piedi in faccia?

    Rispondi

  5. preoccuppata..

    8 settembre 2013 a 21:39

    Guardate che se non si fa’ qualcosa di concreto , qui, se succede davvero , come si vocifera ,di venti di guerra ….abbiamo il nemico gia’ in casa …, pronto a farci del male …! Loro anche se sono clandestini ,e ,ci guardano da nemici , togliendo quelli in regola con i documenti .. , certe volte ,passando vicino dove sono a gruppi ,buttati sui marciapiedi ,come se fossero a dei picnic in aperta campagna .., ci sentiamo i loro occhi carichi di odio ,addosso …! Comunque sia …abbiamo paura … penso con malinconia ,ai tempi addietro , quando si usciva tranquillamente x le vie del paese , fino a tarda notte , senza doverci guardare le spalle e affrettare il passo dalla paura …! Ma porca miseria , come si ci è arrivato a tutta questa situazione ???? Spero che davvero qualcuno si dia una mossa e faccia qualcosa x la sicurezza nostra e soprattutto x i nostri piccoli …, perché loro sono il nostro futuro …!!

    Rispondi

  6. Anna

    8 settembre 2013 a 22:15

    E’ giunto il momento di far arrivare a notizia ai tg e ai giornali nazionali! Avete visto appena si è mossa la stampa cosa è successo l’anno scorso per Punta Secca. E’ giunto il momento che santa croce, la popolazione, si rivolti! E’ giunto il momento che qualcosa si muova e qualcuno vada a casa …

    Rispondi

  7. giovanni pancari

    9 settembre 2013 a 04:30

    mi sapresti indicare una città o qualunque altro posto, che sia sicuro??????

    Rispondi

  8. Jennifer Fontana

    9 settembre 2013 a 09:47

    Se la signora sindaca , invece di continuare a scaldare la sedia, avesse preso SERI provvedimenti verso tutte queste persone e sopratutto verso gli episodi precedentemente successi a S.Croce , sempre da extra comunitari , tutto questo non sarebbe successo.

    D’altra parte è il sindaco che deve dare una dignità al paese e NON agli extracomunitari, come lei dice, altrimenti questi casi saranno spessi e continui ,
    e tutti devono stare con la paura che da un giorno all’altro, potrebbe succedere un brutto episodio anche a loro!!!

    Rispondi

  9. rosa

    9 settembre 2013 a 15:50

    ma se l’attuale governo ha modificato la legge per cui la clandestinità non è reato,le forze dell’ordine non sono più messe nelle condizioni di svolgere il loro lavoro con chi ce la prendiamo ,col sindaco? si ma solo per l’appartenenza politica all’attuale governo.Stiamo buoni a subire tutto quello che questo governo ci sta facendo senza dire 1parola finchè non ci toccano il nostro orticello poi ci svegliamo dal letargo e non sappiamo chi accusare per la mancata sicurezza…che non abbiamo mai avuto.Mi dispiace dirlo ma come cittadini italiani non siamo stati attenti ai governi(passati e attuale)non si protesta non andando a votare,perchè poi si subisce le scelte degli altri.quanti sono al corrente che il governo per togliere l’IMU ha tagliato 600milioni per le forze dell’ordine?Ma attenti l’IMU ha solo cambiato nome nel2014 si chiameràTASER….e allora!!!

    Rispondi

  10. giuseppe

    9 settembre 2013 a 16:59

    Per Giovanni pancari, ti risulta per caso il “mal comune mezzo gaudio”? Sei a conoscenza che S.Croce detiene il primato almeno in Sicilia di città con più presenze di ex-comunitari in Percentuale rispetto ai locali? ben il 25%? Ti risulta?

    Rispondi

  11. anonimo

    10 settembre 2013 a 00:25

    Santa Croce è diventata invivibile per i Santacrocesi e il paese dei balocchi per gli stranieri che fanno quello che vogliono. D’ altronde perché dovrebbero andar via da un paese dove tutto è permesso, dove puoi girovagare senza lavorare e nessuno ti dice niente, dove in nome dell’integrazione hanno ogni sorta di assistenza e di tutela. Ma chi vive non rispettando le regole non ha voglia di integrarsi, e qui solo per delinquere e l’ Italia è il paese dove se sei in ritardo col pagamento di qualcosa di levano anche le mutande, se rubi e uccidi rimani impunito.

    Rispondi

  12. Anna

    10 settembre 2013 a 13:27

    Per Giovanni Pancari : è ovvio che oggi la criminalità è in aumento e tutti i paesi più o meno sono meno sicuri del passato. Ma Santa Croce ormai è solo piena di extracomunitari; ci sono vie nelle quali non capisci se sei in italia o in un paese arabo. Ti posso dire che io personalmente utilizzo orami solo la macchina, mentre prima mi piaceva spostarmi a piedi. Ma camminare per le vie di Santa Croce ed essere osservata , magari stuzzicata in una lingua incompresibile, non mi fa stare tranquilla nè di giorno nè di sera. Si può avere paura, angoscia, a girare per le vie del tuo paese ? E dove siamo nel Bronx? inoltre, i nostri antenati emigranti, quando rimanevano senza lavoro in un paese straniere, non mi risulta iniziassero a delinquere ! Forse umilmente tornavano al paese in casi estremi. Qui invece, li vedi seduti in piazza alle 8.30 del mattino a non fare nulla, a guardare le donne che passano con un sorrisino tra l’ironico e l’inquietante e noi li dobbiamo accettare, accogliere, aiutare?!? Noi dobbiamo lavorare per pagare loro la disoccupazione? E’ giusto ?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…