Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

“Si lavori sulla percezione della sicurezza del cittadino”. La proposta arriva dal consigliere d’opposizione Luca Agnello, il quale fa riferimento ad un episodio che si sarebbe verificato giovedì in tarda serata, un inseguimento in paese tra ragazzi del luogo e un extracomunitario. Se i contorni dell’episodio non sono ancora del tutto chiari, i segni, invece, venerdì mattina erano ben visibili su un muro nei pressi di via Sant’Isidoro, sul quale uno dei mezzi coinvolti avrebbe impattato. Per Agnello non è il caso di gettare benzina sul fuoco, ma, piuttosto di pensare a soluzioni condivise, stando bene attenti a non creare facili allarmismi. “Diversi gli episodi che, seppur non formalizzati a mezzo di denuncia, passano di bocca in bocca, anche da un post su Facebook all’altro. Di questo ci sono i segni, passando, dall’angolo in questione, a poche ore dal fatto era impossibile non notarli. Ma dobbiamo andare al cuore della situazione. Capire che, non curando in modo mirato la percezione della sicurezza nella comunità, si corre il rischio di alimentare, alla lunga, nel singolo la voglia di volersi sostituire allo Stato. Come? Riprendendo un progetto abbandonato, quello della Tenenza dei carabinieri a Santa Croce Camerina. Siamo consapevoli che le forze impegnate sul territorio fanno tutto il possibile per assicurarci serenità e tutela, ma sosteniamo con forza l’idea di creare questo punto di riferimento forte quanto necessario. Ci chiediamo come l’amministrazione voglia muoversi a riguardo. Come ogni progetto, richiederà un impegno economico. Ma, parlo a titolo personale anche se certo di trovare condivisione tra gli altri colleghi consiglieri, non potremmo mai opporci in sede consiliare ad un proposito di questo tipo. Anche questo sarebbe un segnale di vera apertura di questa amministrazione alla cittadinanza. Nessuno provi a dire che le forze politiche agenti sul territorio alimentano l’esasperazione del cittadino. Si cercano, semplicemente, delle soluzioni partecipate”.
Per mettere in risalto la presenza dello Stato, delle forze dell’ordine, nel territorio, da palazzo di città, giovedì mattina, la consegna degli attestati di cittadinanza onoraria a due agenti della polizia di Stato e a tre militari dell’arma dei carabinieri che hanno permesso di assicurare alla giustizia gli autori della rapina ai danni della gioielleria “Gold Chic”. I malviventi, in quella occasione, avevano anche percosso con violenza la titolare. “I miei cittadini devono sapere che non sono soli – ha detto il sindaco Franca Iurato nella cerimonia – le forze dell’ordine, ne siamo testimoni, sono impegnate quotidianamente a vigilare e controllare il territorio per garantire l’ordine e la sicurezza che i cittadini chiedono. Il problema ha oggi assunto una crescente centralità, i miei concittadini devono sapere che non sono soli, le istituzioni sono presenti. Siamo tutti impegni per fronteggiare questa problematica, ridare tranquillità, e migliorare la qualità della vita della nostra piccola comunità”.

Fonte: La Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il progetto di Avis e Mov. Animalista: “Donare due volte: una casa e una vita”

In occasione del Natale solidale 2017, l’Avis di Santa Croce Camerina e il Movimento…