Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Nella notte fra sabato e domenica, quattro diportisti comisani – partiti intorno alle 4 dal Porto di Marina di Ragusa – hanno rischiato di finire dispersi in mare a causa di un’avaria al motore della loro imbarcazione. Si erano allontanati circa 9 miglia dalla costa quando il motore, appunto, prendeva fuoco a causa di un problema elettrico. Mentre i quattro cercavano di spegnere il rogo con le attrezzature anti-incendio presenti a bordo, riuscivano anche a lanciare l’allarme e ottenere l’assistenza di un gommone della Capitaneria di Porto in arrivo da Pozzallo. I militari, dopo alcune ore di ricerca a causa dell’oscurità, giungevano a destinazione e pregavano i diportisti di abbandonare l’imbarcazione in avaria e salire a bordo di quella della Guardia Costiera. Senza successo però. Il proprietario della semicabinata da sette metri rifiutava l’invito e preferiva attendere l’arrivo di un altro mezzo di soccorso dalla vicina Punta Secca, con Giovanni Di Rosa (custode del porticciolo di Montalbano) che riusciva a trascinare la barca in difficoltà fino al molo. L’operazione si è concluda intorno alle 11.30 del mattino.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…