Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Una Jobbing tutto cuore, sacrificio e in inferiorità numerica, vince di misura contro uno sprecone Sciacca, consolidando la posizione in classifica a ridosso delle grandi. È stata una gara dai due volti quella disputata dagli uomini di mister Peppe Bellio: spumeggiante nella prima frazione di gioco, con diverse occasioni da rete sprecate, e remissiva nella ripresa, nella quale ha arretrato il baricentro del gioco, facendosi incalzare dagli ospiti. I locali, inoltre, sempre nella seconda frazione di gioco, dovevano fare a meno del proprio catalizzatore principe Calogero La Vaccara, perchè infortunatosi, perdendo, dopo pochi minuti, anche l’evanescente Damiano Occhipinti a causa di un’espulsione che si poteva evitare. Quello che conta, comunque, sono i tre punti conquistati che, nonostante il calo visto nella ripresa, sono stati ampiamente meritati dai giocatori biancazzurri. Per lo Sciacca del sempreverde Tony Fornò, invece, quella di oggi è stata una doccia fredda inaspettata, soprattutto dopo l’espulsione di Occhipinti che li aveva avvantaggiati ulteriormente. La pecca dei neroverdi saccensi è stata la troppa evanescenza in zona offensiva che ha facilitato la retroguardia locale, nella quale i soliti Buoncompagni e Cassibba hanno eretto un autentico muro. La cronaca. Mister Bellio era costretto a rinunciare al regista Nasello, così schierava un centrocampo a tre, con Bennardo, Cascone e Quintana. La prima occasione reale era per i locali al 25’ su una discesa in area di Occhipinti sul cui tiro si opponeva Giacalone sulla linea. Al 35′ erano ancora sfortunati i locali su una punizione di La Vaccara sulla quale Catalano compiva un vero miracolo. Nella ripresa gli ospiti si facevano più intraprendenti e al 48’ e al 52’ sfioravano il vantaggio con Venezia prima e Li Bassi dopo. Nel momento migliore degli ospiti e in vantaggio di un uomo però passavano i locali al 72’ con un tiro di Basile che raccoglieva una corta respinta di Catalano. I saccensi si riversavano in avanti, però i loro attacchi erano troppo flebili, così dopo i cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara erano i locali e i loro sostenitori a esultare per la bella vittoria.

IL TABELLINO

JOBBING SANTA CROCE-SCIACCA 1-0

JOBBING SANTA CROCE: GURRIERI, RAGUSA, BASILE, BENNARDO, BUONCOMPAGNI, CASSIBBA, OCCHIPINTI, QUINTANA, LA VACCARA(56’ LENTINI), CASCONE (85’ SCACCO), GIARRATANA (55’ AMENTA). ALL. GIUSEPPE BELLIO
SCIACCA: CATALANO, NIELI, CIRONE, BILELLA (58’ DI FRANCO), GIACALONE, FORNO’, CACCIATORE, LI BLASI, VENEZIA (66’ BITETTO), ARGENTO, LA BELLA (22’ BENTIVEGNA). ALL. AMINTORE AMBROSETTI
ARBITRO: SALVATORE CONTRAFFATTO DI CATANIA (PANTO’ E DAQUINO DI SIRACUSA)
MARCATORI: 72’ BASILE
AMMONITI: BUONCOMPAGNI, CASSIBBA, RAGUSA E OCCHIPINTI (J), CERONI E BILELLA (S)
ESPULSO: OCCHIPINTI (J)

Fabio Fichera

Un Commento

  1. Carmelo

    6 ottobre 2013 a 20:44

    Mister bellio hai troppa fretta nei cambi
    Scusi ma io la vedo così
    Oggi siamo stati fortunati

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, Zocco spinge il Kamarina: “Quel k.o. a tavolino è il nostro stimolo”

Il Cs Kamarina torna a respirare aria di casa: sabato alle 17 la formazione di Peppe Marin…