Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

In qualità di presidente del Movimento “Tutti x Santa Croce”, devo con rammarico constatare che ieri, 25 novembre, il nostro Comune non si è attivato per celebrare nel modo più pubblico e solenne possibile una giornata tragicamente attuale per tutte donne del mondo, in particolare quelle italiane: la giornata contro la violenza sulle donne. Eppure esistono donne che cercano di lavorare per altre donne: con associazioni, movimenti politici, movimenti culturali. Sarebbe bastato coinvolgerle in tempo! E un’Amministrazione con a capo una donna, un Consiglio comunale con a capo una donna, avrebbero potuto fare tanto, anche in tempi di crisi! L’anno scorso il circolo politico “Città Futura”, credo insieme a Sel, riempì la piazza principale del Paese di scarpe rosse, ormai simbolo di questa triste ricorrenza. E il giornale Santa Croce Web dedicò articoli, video ed anche un’editoriale a tale iniziativa locale, come anche altri giornali locali. Prendiamo atto che non c’è memoria storica e che i diritti delle donne sono difesi e ricordati dalle donne comuni cittadine, ma non dalle donne che tali cittadine potrebbero rappresentare ai massimi livelli istituzionali! Il movimento che umilmente rappresento, si augura che si sia trattato di una svista, anche se notevole e poco giustificabile, e che le problematiche femminili vengano non solo attenzionate, ma privilegiate in una realtà, come quella camarinense, in cui esiste non solo un gap generazionale tra donne ma anche un gap culturale e sociologico, reso più stridente dalla presenza di varie etnie. E, poiché la violenza, fisica o psicologica, colpisce le donne a prescindere dalla loro condizione sociale o economica ed è una croce che la vittima ed i suoi familiari si portano dietro per sempre, non può, non deve essere trattata come questione marginale ed estemporanea. Quindi ad una tematica così drammatica ed attuale il nostro Movimento, come altri, presterà sempre attenzione e da oggi pretenderà lo stesso, anzi di più, dalle istituzioni locali, soprattutto se rappresentate dall’altra metà del cielo!

Avv. Giovanna Nicolini
Presidente del Movimento “Tutti x Santa Croce”

5 Commenti

  1. Lory

    26 novembre 2013 a 12:00

    Anche le Associazioni ed i Movimenti possono rimboccarsi le maniche ed organizzare “celebrazioni solenni” … se ci credono veramente …
    Troppe parole spese a polemizzare e criticare … questa è diventata la città di S. Croce … e bastaaaa !!!

    Rispondi

  2. Antonio

    26 novembre 2013 a 12:29

    Queste iniziative lasciano il tempo che trovano, i cortei, le scarpe rosse, e tutte le altre cretinate, non aiutano a risolvere il dramma di tante donne, ci vuole una volontà politica forte, affinché si fanno le leggi forti, e incisivi, e soprattutto che vengano applicate, quante donne denunciano, e il loro grido di aiuto viene accolto solo dopo che succede l’irreparabile. Le lotte si fanno nelle sedi opportune.

    Rispondi

  3. DUX

    26 novembre 2013 a 13:42

    Fosse solo questo ad essere trascurato a Santa Croce!!!

    Rispondi

  4. Angioletta Agosta

    26 novembre 2013 a 14:52

    Sig.ra Nicolini, cosa vuole farci. Ormai abbiamo chiara dimostrazione che S.Croce è diventato un paese abbandonato a se stesso !!!

    Rispondi

  5. Salvatore F.

    30 novembre 2013 a 13:15

    Facile parlare e lamentarsi… ma la sig.ra Nicolini, anzi mi scuso, l’avv. Nicolini, sia l’anno scorso che quest’anno cosa ha fatto per celebrare questa solenne giornata, anche lei è una donna, a maggior ragione.
    Ma ripeto la cosa più semplice è accusare sempre gli altri!
    Mah

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Cartellone sparisce per la festa, poi riappare:”Perché blackout democratico?”

Ventiquattr’ore per vedere due cartelloni sparire e riapparire in piazza. Quello del grupp…