Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

I nostri affezionati lettori si staranno chiedendo come mai Santa Croce Web stia pubblicando un articolo sulla cena di San Giuseppe a dicembre. La famiglia Emmolo/Cappello quest’anno ha deciso di onorare la propria promessa, per grazia ricevuta, proprio entro l’anno in corso, infatti domenica 8 dicembre in occasione della festa dedicata alla Madonna Immacolata, sarà benedetta la Cena con il Sacro Rituale alle ore 12.30, con la consueta processione dei Santi. Sarà possibile visitare la Cena sabato 7 dicembre durante tutto l’arco della giornata e domenica 8 prima delle ore 10.00. La creazione della Cena di San Giuseppe è un momento tanto complesso quanto importante per la famiglia che onora la propria promessa, coadiuvata da amici, parenti e vicini di casa, tutti spinti dalla forza di questa tradizione. E’ uno dei pochi momenti in cui un santa crocese si definisce realmente tale. In un epoca in cui le tradizioni, le ideologie e il sentirsi parte attiva della propria Città va a scomparire, Santa Croce Camerina ha la forza di questa tradizione che deve continuare. Nulla viene lasciato al caso, a partire dal meraviglioso pane ricamato, sino alla sistemazione degli elementi che compongono l’amata Cena. Le forme e le ricamature del pane richiamano la tradizione. Sapienti mani che adornano un semplice pane, rendendolo unico, dandogli una forma ed un significato da non sottovalutare. La sistemazione degli elementi tradizionali ricchi di significato è un momento importante, qua viene sottolineata l’uguaglianza sostanziale che manca nella società moderna: ogni Santo deve avere la stessa quantità di ogni tipologia di cibo, che di solito è 3 elementi o un multiplo di tre. Dopo aver descritto un po’ il “behind the scenes”, la famiglia Emmolo/Cappello vi invita a visitare la propria Cena di San Giuseppe.

Orazio Emmolo

Un Commento

  1. vanessa

    7 dicembre 2013 a 15:58

    E sempre bellissima la cena a santa croce..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa Ibla, al Donnafugata una mostra sulle amanti di Rossini, Bellini e Verdi

Tre grandi teatri italiani “racchiusi” all’interno di uno dei teatri più piccoli al mondo …