Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Se la Emmolo S. & C. srl Vigor avesse vinto questa partita, nessuno avrebbe avuto da recriminare. Una gara dominata per quattro quarti contro la prima della classe Aretusa di coach Marletta, che nel finale ha rischiato seriamente di perdere il primato solitario. Ma l’errore al tiro allo scadere dei regolamentari di Lorenzo Mandarà, vittima di una spinta dell’avversario non vista dagli arbitri, ha negato la gioia ai padroni di casa. Ma a parte questo si è vista una squadra, quella di coach Di Stefano, con le idee più chiare e con una grande voglia di vincere. Fantastica la prova corale, con Giacomo Rizzo vero trascinatore del gruppo e con un atteggiamento difensivo che ancora una volta ha sfiancato gli avversari, che si sono dovuti affidare a un pezzo da novanta come Agosta per togliersi dall’imbarazzo di una mortificante sconfitta. Nel primo quarto parte bene la Vigor, che riesce a perforare la difesa disattenta dell’Aretusa, con delle giocate quasi a memoria ed evidentemente provate e riprovate dagli uomini di coach Di Stefano durante la settimana. Nel secondo quarto si rivede la solita difesa a zona schierata da tutti per fronteggiare l’attacco della Vigor. Ma i camarinensi riescono a tirare molto meglio da fuori e a rendere inutile tale scelta. Nel terzo quarto, comprensibilmente, un calo dei locali riesce a far avvicinare gli ospiti. Nell’ultimo quarto sembra che la stanchezza prenda il sopravvento su capitan Distefano e compagni, ma ecco ancora una volta la sferzata con la tripla del baby Mirko Mandarà, che fa rimettere la testa avanti alla propria squadra. Ad una manciata di secondi l’Aretusa ha la possibilità di chiuderla, ma viene fischiata una infrazione di passi che ridà la possibilità alla Vigor di giocarsela nella metà campo avversaria. Ma la conclusione di Lorenzo Mandarà, come già detto, non va a bersaglio. Si va ai supplementari e l’uscita di Giacomo Rizzo per raggiunto limite di falli fa perdere, almeno in termini di sicurezza, qualcosa ai suoi compagni. Alla fine l’Aretusa porta il successo a casa, con la consapevolezza di non aver giocato una grande gara (merito sicuramente dei locali che hanno tolto ogni iniziativa agli aretusei). Certamente la Vigor, ancora una volta, ha dimostrato di essere un avversario di tutto rispetto, nonostante la giovane età, ma soprattutto nonostante la differenza di fisicità e di nomi importanti rispetto alle altre squadre. Complimenti al roster di coach Di Stefano che dimostra ogni anno che le scelte – anche quelle più improponibili e rischiose – danno grandi soddisfazioni e molti motivi di vanto. Adesso l’appuntamento è per domenica prossima a Gravina, nell’attesa che i ragazzi dell’under 19, mercoledì sera nella gara clou, possano conquistare due punti importanti per restare aggrappati alla testa della classifica.

UN PICCOLO ESTRATTO DEL MATCH

[youtube]rNT9mwPoeYw[/youtube]
IL TABELLINO

Emmolo S. & C. srl Vigor 69 – Aretusa 78 d.t.s. (63-63 al 40′)

Vigor: Mandarà Lorenzo 8 – Mattia Lena 5 – Antonio Palazzolo 2 – Rizzo Salvo 8 – Susino 4 – Cavallo – Pace n.e. – Mandarà Mirko 10 – Gulino n.e. – Rizzo Giacomo 20 – Distefano 13 – Heineck n.e.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, Promozione: il Santa Croce soffre ma la sfanga, 3-1 sul Priolo

Il Santa Croce vince la sua prima partita di questo inizio di campionato, liquidando con u…