Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il concorso “Caro Babbo Natale…”, ideato dalla redazione del nostro giornale, ha premiato alcuni partecipanti tra i numerosi bambini che hanno preso parte all’iniziativa. Per l’occasione si è realizzato uno speciale all’interno del villaggio per rendervi partecipi della realizzazione di questo progetto ideato e curato dalle associazioni Moto Vespa Club e Sporting Club Santa Croce Camerina con la regia di Pino Zisa. La fantasia dei più piccini, emozionati e felici, protagonisti di questo evento, è stata davvero sensazionale!!!! Ma Babbo Natale, chi è???
In LAPPONIA vive un simpatico vecchietto, un anziano falegname che abita con la moglie in un piccolo villaggio, lavora il legno per costruire giocattoli da donare ogni Natale ai bimbi. La notte di Natale per raggiungere i bambini dei villaggi vicini attraversa la foresta con la sua piccola slitta e lì si imbatte in una tormenta di neve. Nel mezzo della bufera perde i sensi così come la sua povera moglie e le sue due renne Donner e Blitzen. Al loro risveglio i due vengono accolti da un gruppo di Elfi, e con stupore scoprono di essere al Polo Nord. Come predetto da un’antica profezia, l’anziano signore ricevere l’incarico di diventare Babbo Natale e da allora ogni anno lui e i suoi fedeli aiutanti portano i doni ai bimbi di tutto il mondo… Nel Natale 2013, grazia a un ottimo lavoro di cooperazione, anche a Santa Croce Camerina Babbo Natale ha avuto la sua casa, al civico numero 11 di Piazza Vittorio Emanuele. Nei giorni 21, 22 e 29 dicembre è stato possibile, con ingresso a piccoli gruppi, una visita guidata del laboratorio attivo animato da elfi e folletti, mamma Natale e la sua cucina dove realizza manicaretti deliziosi per gli elfi e gli gnomi del bosco, la regina Antea e Re Inverno. Il ruolo di questo vecchietto oggi appare decisamente inflazionato a causa delle trovate commerciali, ma le radici culturali da cui sorge questa figura si perdono nella notte dei tempi tra la fede e la favola, ed hanno un valore pedagogico non indifferente. Non è un caso poi che è ai bambini che si rivolge questo personaggio, invitandoli ad essere buoni nell’arco di tutto un anno per ottenere un compenso in una magica notte d’inverno. Il vero, unico, grande dono del Natale, è la nascita stessa di Gesù: il Natale infatti è la festività cristiana che celebra la sua nascita il 25 dicembre (il 7 gennaio nelle Chiese orientali, per lo slittamento del calendario giuliano). Non è poco, e potrebbe e dovrebbe bastare. Oggi, spesso, in relazione alla crisi economica, si sente o si legge che, senza regali il Natale non è un vero Natale, ma probabilmente la magia, soprattutto per i più piccini, è legata in particolar modo ai moltissimi doni, ma non è solo il regalo in sé a suscitare così tanto scalpore e così tanta attesa nei confronti di questa festività, quanto piuttosto tutto il rituale che ci sta dietro e seguendo questa logica il nostro concorso ha rappresentato una importante iniziativa.

Giusy Zisa

Clicca sotto per vedere il video della premiazione del concorso “Caro Babbo Natale”

[youtube]GnilUaOLvF4[/youtube]

Galleria fotografica

Un Commento

  1. Valeria Arrabito

    5 gennaio 2014 a 12:31

    Salve,
    è stata senza dubbio un’idea sensazionale che ha raccolto ampio successo grazie alla collaborazione di molte persone. Per questo motivo mi sembra doveroso affiancare alla regia di Pino Zisa il prezioso contributo di Biagio Arrabito nelle vesti di Babbo Natale e Maurizio Carnemolla in quelle di Re Inverno.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, C1: Kamarina, il derby è una disfatta! L’Arcobaleno Ispica vince 7-0

Crollo casalingo del CS Kamarina che fallisce l’appuntamento più atteso: il derby con l’Ar…