Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

In occasione dei suoi trent’anni di attività, la sede AVIS di Santa Croce Camerina ha voluto rendere partecipe la collettività con una serie di iniziative, già poste in essere sin dall’inizio dell’anno, e ha mostrato di volersi radicare sempre di più nel contesto sociale e provinciale. Infatti sabato 25 gennaio, presso la Biblioteca Comunale, si è avuta la nomina dei delegati provinciali AVIS, che sono risultati Chaaraoui Samia, Paolo Di Stefano, Carmelo Fontana, Carmelo Parisi, Giovanni Vacirca e Lucia Cuciti. La sede di Santa Croce dal lontano 4 gennaio 1994, ha visto un’evoluzione strepitosa, dovuta alla passione e all’impegno che i soci fondatori hanno messo in tutti questi anni. Non meno importante, anzi fondamentale, l’apporto dei numerosi donatori che sfiorano quota mille. In occasione di questo importante traguardo il ricordo dei soci AVIS è andato a coloro che oggi non ci sono più, ma che hanno fatto tanto per raggiungere questo obiettivo straordinario: Angelo La Terra, a cui è dedicata la nuova sede inaugurata nel 2007, e Don Tano Caggia, storico presidente della prima sezione. Presenti per l’occasione anche il primo cittadino Franca Iurato, nonché il presidente regionale Avis, Salvatore Mandarà. “Una presenza importante che pone la nostra AVIS non come una semplice associazione di volontariato, bensì come un vero e proprio punto di riferimento per tutta la comunità” ha dichiarato il giovane presidente comunale Fabio Emmolo. E l’augurio più bello è che l’AVIS di Santa Croce possa battere record ancora più importanti di quelli che ha attualmente conseguito, pur essendo una piccola comunità, fatta di persone generose.

Antonella Galuppi

Fotogallery a cura di Lino Scillieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Allerta terrorismo, vertice dal Prefetto: misure straordinarie per concerto Iurato

I fatti recenti avvenuti a Barcellona e in Finlandia, dove l’Isis ha seminato morte e pani…