Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

“Se qualcuno dimostra, con consumi dell’Enel e dell’acqua, che nelle case di villeggiatura ci risiede sempre, quindi le usa come residenza abituale, prenderemo in considerazione queste domande per rivedere la tariffa della Tares”. Parola del sindaco di Santa Croce Camerina, Franca lurato che espone il proprio punto di vista dopo le diverse lamentele dei villeggianti che, non senza sorprese a causa degli importi, nei giorni scorsi si sono visti recapitare i bollettini di pagamento del saldo 2013. “Il 2013 è stato davvero un annus horribilis – dice il primo cittadino – nel quale i comuni si sono trasformati in una sorta di esattori. Per quanto riguarda la Tares, in particolare, soffre il cambiamento con la Tarsu, mentre l’anno scorso c’è stato un aumento enorme del servizio di raccolta dei rifiuti anche perché si è dovuti andare a conferire a Motta Sant’Anastasia. Oggi la Tares impone la copertura al 100% del servizio. I quattro componenti messi d’ufficio per il calcolo della quota variabile? In effetti l’importo cambia poco, ma se qualcuno comunica ufficialmente quante persone ci abitano, cercheremo di prendere in considerazione le varie istanze. L’invito è quello di ridurre i costi e rispettare l’ambiente; in questo senso, subito dopo marzo, avvieremo una campagna di sensibilizzazione e educazione ambientale”.

Fonte: La Sicilia

5 Commenti

  1. Loredana

    20 febbraio 2014 a 18:19

    Certo, certo, tutto questo solo per le case di mare, per chi invece vive in paese può pagare anche il doppio e il triplo di tares??? Ma vergognatevi , S.Croce è ricoperto di spazzatura e rifiuti ( vedi mercato ortofrutticolo) , e dovremmo anche pagare tutte queste cifre di tares ??? La solita vergogna , beh , dal PD che di democratico ha ben poco, solo questo ci possiamo aspettare!!!!!

    Rispondi

  2. cittadina schifata

    20 febbraio 2014 a 18:23

    Mentre siete intenti a rivedere i prezzi della spazzatura, rivedete anche tutta la spazzatura che S.Croce fa di casa!!! E cercate di toglierla dal mezzo, sempre se ci riuscite , perchè la gente onesta che paga le tasse, non si può permettere di vivere in questa fogna di mondezza !!!!!

    Rispondi

  3. ROSARIO VENTURA

    21 febbraio 2014 a 15:42

    Io sono dal parere che un primo cittadino, si debba prendere cura delle esigenze dei propri cittadini, e della comune , se questo non si configura come prescrive la legge, e come prima di essere eletto , promettendo ai propri cittadini l’impossibile al posto di essere eletto, e poi non conclude ai fatti , secondo la mia teoria e solo un’interesse di poltrona, il fatto se un cittadino debba essere servito come persone civili ed onesti, non interessa a nessuno, l’importante avere arrivato al suo scopo..
    Faccio un appello a tutti quei politici che fanno i furbetti prendendo in giro la povera gente,non fate cosi, non raccontate delle frottole quando sapete benissimo che non siete capaci di portarlo a termine, perche’ quello che ci rimette e’sempre il cittadino.Fatevi un esame di coscienza, il vostro stipendio e’ pagato con i soldi della comunita’, e quest’ultima che voi dovreste curare con attenzione e perseveranza, speriamo che qualcuno lo capisca davvero….

    Rispondi

  4. Pino

    21 febbraio 2014 a 23:17

    La vera spazzatura sta al comune, cominciamo col buttarla fuori…

    Rispondi

  5. Loredana

    22 febbraio 2014 a 10:59

    La cosa che mi stupisce di più è che la sindaca ( prima cittadina) e tutta l’amministrazione comunale, vivono a S.Croce e chiudono gli occhi difronte ai problemi del loro paese stesso. Complimenti !!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Consiglio comunale: approvati il nuovo regolamento e l’adesione alla C.U.C.

E’ stato approvato all’unanimità – dopo tante chiacchiere, una strenua battaglia verbale e…