Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Malgrado la settimana scorsa avessimo segnalato la presenza al mercato ortofrutticolo di una montagna di rami, risultato della potatura degli alberi, gli stessi continuano a fare ancora brutta mostra in quel sito. Ci era stato riferito che alcuni addetti “avevano iniziato a rimuoverli ma poi, inspiegabilmente non si è più visto nessuno”. Questo è quanto segnalatoci da alcuni operatori e ampiamente documentato dalle immagini che ci sono state fornite. Dalle foto sembra che la situazione sia addirittura peggiorata: l’immondizia fa da padrona, pezzi di plastica di serra, cartoni e volantini sono ben visibili e in quantità industriale, chi deve rimuoverli? L’ex assessore Rosario Pluchino è andato a verificare di persona  lo stato delle cose: “Non è possibile lasciare un sito così frequentato, e che dovrebbe rappresentare il biglietto da visita per una città, nel più totale abbandono. Addirittura i vari box sono infestati da decine di colombi, che tentano di nidificare sotto le tettoie, con conseguenze facilmente immaginabili. Poi escrementi dappertutto, penne che svolazzano e i parassiti tipici di quei volatili che non fanno sicuramente bene alla salute e ai prodotti in mostra. Alcuni operatori stanno cercando a loro spese di mettere dei dissuasori, ma non si può sempre delegare tutto alla buona volontà dei privati. L’assessore che ha preso il mio posto dopo le mie dimissioni  è al corrente di quello che avviene? Ha il tempo per interessarsi alla questione? Per fortuna il nuovo assessore che si è insediato qualche giorno fa, ha affermato di conoscere perfettamente le problematiche della città e, nello specifico, quelle di cui ricopre le deleghe, almeno qualcuno che sa è arrivata”. Questa la testimonianza di Pluchino. Le foto parlano da sole, le lamentele vanno avanti senza soluzione di continuità, a meno che non si provveda al piu presto.

 Salvo Dimartino

Un Commento

  1. Maria Carmela

    26 febbraio 2014 a 08:24

    A mio avviso, noi tutti cittadini di S.Croce, dovremmo rifiutarci di pagare la Tares fin quando tutto questo porcile,che regna sovrano nel paese, non venga rimosso.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

P.Secca: stop al traffico dalle 18, no alla vendita di lattine e bottiglie di vetro

Transito veicolare interrotto dalle 18 e divieto assoluto di somministrare bevande e alcol…