Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

I militari della compagnia Carabinieri di Ragusa nel corso dell’ultimo fine settimana hanno denunciato a piede libero sei persone e segnalata una settima al Prefetto. Sono state impiegate decine di autopattuglie in uniforme e in abiti civili al fine di prevenire e reprimere la commissione di reati con particolare riguardo a quelli contro il patrimonio. Ecco nello specifico quanto successo a Santa Croce e dintorni.

Domenica mattina, in territorio Punta Braccetto, veniva inseguito e bloccato un rumeno che era alla guida di un motociclo Yamaha che era stato rubato a Marina di Ragusa lo scorso agosto. I.B. le iniziali del 24enne bracciante agricolo, che è stato denunciato per ricettazione in concorso. Il mezzo è stato direttamente restituito al proprietario, un 36enne ragusano. A Punta Secca, invece, i militari hanno fermato un’Alfa Romeo con tre tipi apparentemente sospetti a bordo. I tre sono stati perquisiti e uno dei due passeggeri è stato trovato in possesso di un coltello a scatto, uno spray urticante anti aggressione, di modello non conforme a quelli autorizzati in commercio, nonché un’ingente somma di denaro pari a 7.250 euro in contanti tutti in banconote da 10, 20 e 50 euro. Tutto quanto ritrovato è stato sottoposto a sequestro e F.S., 25enne domiciliato a Santa Croce, è stato denunciato per porto abusivo di armi e porto abusivo aggravato di armi.

Sabato sera, invece, a Santa Croce è stata fermata un’auto con tre modicani a bordo, tutti vecchie conoscenze dell’Arma. Uno dei tre, sorvegliato speciale, aveva il divieto d’uscire a quell’ora. È stato denunciato alla Procura della Repubblica per violazioni della sorveglianza. Tutti e tre sono stati proposti per un foglio di via da Santa Croce Camerina. Infine i militari della locale stazione, nella mattinata di domenica, hanno rinvenuto in un canneto un altro motorino, sicuramente abbandonato lì di proposito dall’utilizzatore che – ovviamente – non si è fatto trovare nei paraggi. I militari altro non hanno potuta fare che recuperare e restituire il mezzo al proprietario a cui era stato rubato proprio il giorno prima a Marina di Ragusa.

Redazione

4 Commenti

  1. MariaConcetta

    12 marzo 2014 a 08:03

    Povera italia !!!

    Rispondi

  2. Osservatore (the original)

    12 marzo 2014 a 14:14

    Maria Concetta, e invece in America, in Francia, in Spagna, in Germania e in tutto il Mondo com’è? La delinquenza e il malcostume sono purtroppo imperanti ovunque… e meno male che l’articolo parla di Stranieri ma anche e sopratutto di locali, altrimenti chissà quanti commenti!!!… e invece, misteriosamente, i “soliti” OPINIONISTI tacciono! L’analisi da fare è molto profonda e non è certo su queste pagine o sui Social Networks che si può affrontare… indubbuamente è molto più semplice lanciare “sentenze” che fanno presa, forse, su chi adopera solo la tastiera invece che il cervello!

    Rispondi

  3. giuseppe

    13 marzo 2014 a 11:25

    Meno male che parli tu, Osservatore (the original), la tua assuefazione ai vari episodi di microcriminalità spaventa. Sono proprio gli atteggiamenti quasi assolutori o per meglio dire rassegnati, il tuo” mal comune mezzo gaudio”mi sa tanto di assoluzione sommaria nei confronti di chi delinque e nello stesso tempo sbeffeggi chi osa porre l’accento sui frequenti episodi di criminalità spicciola. Forse non sei stato ancora toccato da questi vili gesti, speriamo che non lo sarai anche in futuro, ma ti assicuro che, quando qualcuno è toccato da questi fatti non ha nessuna voglia di assolvere nessuno, nemmeno chi è preposto ad assicurare l’ordine e la sicurezza pubblica. Le forze dell’ordine fanno anche l’impossibile per limitare i danni ma si potrebbe fare di più se tutti insieme si remasse nella stessa direzione,amministrazione comunale in testa che, anzichè nascondere la testa sotto la sabbia procedesse con piu forza a perorare la possibilità di instituire la tenenza dei carabinieri pure a S. Croce.

    Rispondi

  4. Giuseppe Puglisi

    11 aprile 2014 a 15:06

    Si sono più che d’accordo con la soluzione della tenenza, anzi mi piacerebbe poter avere anche un comando di Guardia di Finanza a Santa Croce, perchè il disfacimento di un luogo e di conseguenza il deteriorarsi delle persone deriva proprio dalla mancanza di ORDINE !!! , mi piacerebbe addirittura che ci fosse la cultura del lecito, del legale a Santa Croce (per dire una cittadina italiana a caso), ma purtroppo siamo italiani, tutti nel nostro piccolo facciamo come i napoletani : chiagne e fott!! ma almeno loro sono onesti dicono come sono fatti.
    Sinceramente ??? sono molto deluso che gli abitanti di Santa Croce che cercano la giustizia dallo stato quando si vede benissimo che sono i primi a non avere cura neanche del marciapiede sotto la propria porta, eppure basterebbe una spazzata.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

L’annuncio del sindaco: “Sabato 30 settembre la Notte Bianca a S.Croce”

Santa Croce Camerina si appresta a vivere la prima Notte Bianca della sua storia: sabato d…