biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

IL BAMBINO E IL GIOCO: QUANDO IL LINGUAGGIO DEL CORPO AIUTA NELLO SVILUPPO PSICO-FISICO

0 195

Il bambino, in quanto tale, attraverso il gioco si esprime, diventa l’artefice del proprio destino, si educa e si forma giorno per giorno? L’esperienza motoria è alla base dell’attività umana e l’attività motoria è la panacea di tutto. Navigando nel mare quiete dell’educazione motoria, l’insegnante, orienterà il cammino dei piccoli, verso una realtà tutta intrisa di originalità e creatività, per mezzo di consegne delle attività motorie. Il bambino, attraverso il linguaggio del corpo, la mimica, il linguaggio del viso e dell’espressione, il linguaggio verbale, quello musicale o iconico, l’espressione spontanea dei sentimenti e dell’anima, attraverso la drammatizzazione, la danza, il teatro in tutte le sue forme, il ritmo, il mimo e la pantomima, la fantasia, attraverso un lavoro di simbiosi e di sinergie, di cooperazione e d’interazione, con un lavoro graduale, con circuiti, lavori individuali, di coppia e a terziglia, con un lavoro collettivo ed un metodo utile, divertente e creativo che contiene i presupposti della ginnastica educativa, migliorerà la comunicazione, le capacità espressive e la comprensione dei codici espressivi. Le lezioni, a parer mio, dovranno essere proposte con una vasta gamma di contenuto, ad esempio, con un qualcosa che possa suscitare lo studio della conoscenza di ogni parte del corpo e di parte di esso, quindi, con giochi tutti intrisi di linguaggio anatomico a forma di gioco. A seguito della mia ricerca svolta presso le due scuole di Ragusa, ho potuto toccare con mano come bambini di 8 e 9 anni mancano di conoscenza globale del corpo e parte di esso, più in dettaglio della mancanza di percepire la collocazione dei gomiti e tutto questo non va proprio bene. Far crescere e maturare l’ottimale coscienza del corpo, un migliore “sensus sui”, il tutto rapportato con il movimento, con le regole di base e con il gruppo di riferimento fin dalla tenerissima età (classe d’età compresa tra i 3 e i 6 anni) e così via, con l’educazione ai valori, la creatività e la danza teatro: un bambino con un cappello di carta e con una bacchetta si sentirà un generale sul campo di battaglia; a cavalcioni di un qualsiasi bastone si sentirà dominatore di focosi destrieri; ancora con la proposta “ la storia degli aeroplanini tricolore”: ( c’era una volta un gruppo di aeroplanini che volevano disegnare nel cielo immenso la famosissima bandiera tricolore, ma ciò era difficile in quanto c’era pioggia e vento…), input sonori, ritmo, il bambino ed il gruppo dei pari conquisterà la spensieratezza. Il gioco motorio deve essere proposto a bambini in modo fantasioso e surreale, magico, tutto imperniato di regole, insomma, un lavoro prima di tutto individuale e allo stesso tempo tutto collettivo. Il gioco ed i percorsi ludico motori, contano molto in età evolutiva.

Lucy Licitra

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.