biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Tacco 12, fortifica l’autostima o disintegra le gambe? Rubrica benessere a cura di SARA HASSEN

0 109

Tacco 12, oggetto del desiderio e tortura per qualunque donna. Per quelle che, almeno appartemente, lo portano sempre e dovunque, con disinvoltura; per quelle che lo sopportano, perché “chi bella vuol apparire…” ma contano i secondi che le separano dal poterseli levare e camminare scalze. Fino a quelle che li guardano sognanti nelle vetrine e sospirano pensando che “sono belli, ma non ce la posso proprio fare”. Di norma si dovrebbero usare solo di sera, poiché di mattina si rischia l’effetto escort, specie se l’andatura è incerta e arrancante come quella dei trans sui trampoli, ma la magia dei tacchi a spillo è tale per cui qualunque cosa si indossi, dalla gonna e camicetta al classico tubino nero, quel paio di scarpe valorizza sempre anche gambe che non lo meritano e hanno la capacità di snellire le figure non proprio longilinee. Alzi la mano quella donna che pur non indossando il tacco 12 per vari motivi, non li trova comunque sexy e capaci di regalare quei cm di sensualità e bellezza in più. Il tacco 12 slancia, rende la gamba più tonica, mette in evidenza il muscolo del polpaccio, e soprattutto regala autostima e sicurezza. Cammini con 12 cm in più e vedi il mondo da un’altra prospettiva, guardi, finalmente, gli uomini negli occhi. Non sentirsi inferiore fisicamente aiuta psicologicamente. Sembra banale, ma è così.  I tacchi a spillo rappresentano da sempre l’essenza della femminilità e dell’erotismo. Le donne li adorano, sono un’infallibile arma di seduzione.

Sara Hassen

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.