Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

“… Non c’ero e non conosco cosa accadde… diffido dalla storia ufficiale, non ci vedo mai riferimenti alla gente comune. Ho viaggiato per il mondo, senza tregua senza sosta, per lunghi anni. E quello che porto nel cuore non sono personaggi ma persone, gente comune e il loro quotidiano. Ogni loro racconto per me è un piccolo grande tesoro, di un valore inestimabile. Non c’ero e non conosco cosa accadde… ma so che oggi vivo un presente da uomo libero. E questo mi basta per credere che oggi sia un giorno speciale” (Anton Vanligt)

L’Anniversario della Liberazione d’Italia (chiamato anche Festa della Liberazione, anniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile) viene festeggiato il 25 aprile di ogni anno. È un giorno fondamentale per la storia d’Italia, simbolo del termine della Seconda Guerra Mondiale nel Paese, dell’occupazione da parte della Germania nazista, iniziata nel1943, e del ventennio fascista. Durante la Seconda Guerra Mondiale (1939-1945), dopo il 1943, l’Italia si ritrovò divisa in due: al nord Benito Mussolini e i Fascisti avevano costituito la Repubblica Sociale Italiana, vicina ai tedeschi e al Nazismo di Hitler, mentre al sud si formò in opposizione il governo Badoglio, in collaborazione con gli Alleati americani e inglesi. Per combattere il dominio nazifascista si era organizzata la Resistenza, formata dai Partigiani. Questi erano uomini, donne, giovani, anziani, preti, militari, persone di diversi ceti sociali, diverse idee politiche e religiose, ma che avevano in comune la volontà di lottare personalmente, ognuno con i propri mezzi, per ottenere in patria la democrazia e il rispetto della libertà individuale e l’uguaglianza.

Festa della Liberazione

Il 25 aprile 1945 i Partigiani, supportati dagli Alleati, entrarono vittoriosi nelle principali città italiane, mettendo fine al tragico periodo di lutti e rovine e dando così il via al processo di liberazione dell’Italia dall’oppressione fascista. Qualche anno dopo, dalle idee di democrazia e libertà, è nata la Costituzione Italiana. Vi confessiamo che mai come quest’anno proviamo sicuramente disagio nel pensare al 25 aprile, festa della liberazione, l’enfasi del ricordo stride chiaramente con la realtà. L’Italia è di nuovo impoverita, non abbiamo sovranità monetaria, non abbiamo diritto all’autodeterminazione e per molti aspetti non abbiamo neppure uno Stato degno di questo nome. Ma la Liberazione evoca contemporaneamente anche il ricordo dell’oppressione violenta dei nazisti, il sangue dei martiri, il coraggio dei partigiani, la speranza di costruire un futuro di progresso e libertà anche a costo di pagare con la vita. Non è retorica la mia, non posso permettermela, ma è storia. L’Europa di oggi rappresenta il trionfo postumo di Adolf Hitler. Un riordino sociale complessivo che abbraccia l’intera Europa, unita nel desiderio di spargere miseria e morte senza neppure il fastidio di doversi sporcare le mani: dal Portogallo alla Francia, dalla Grecia all’Irlanda, masse di disgraziati abbruttiti affollano le mense dei poveri e frugano nei cassonetti della spazzatura per sopravvivere, vittime inermi che si auto-commiserano credendo di dover espiare oggi la gioia di avere vissuto dignitosamente in passato. “Non c’è alternativa al fascismo”, affermavano padri e nonni di quelli che oggi ci spiegano che non è possibile derogare dalle politiche del rigore. Il peggio oggi è che per molti il 25 Aprile si limita al ‘Bella Ciao’ e la ‘resistenza’ è solo un argomento da periti elettronici!! Il Comune di Santa Croce Camerina ha previsto una serie di brevi manifestazioni per venerdì  25 e invita la cittadinanza a prenderne parte, perciò vi forniamo qui sotto il programma dettagliato pensando di farvi cosa gradita.
Giusy Zisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Torna la Ciclolonga della Solidarietà: domenica alle 8.30 scatta Pedalavis

Pronti… VIA!!! Anche quest’anno è arrivato il tanto atteso appuntamento con “Pedalavis”, l…