Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop
La Emmolo S.& C. srl Vigor interrompe la serie positiva perdendo, seppur di un soffio e dopo una gara strepitosa, contro la Nuova Agatirno Capo d’Orlando per 60-59. La cronaca parla di una Vigor già penalizzata dalle assenze importanti dei due lunghi Susino (motivi di lavoro ) ed Emmolo (fuori per infortunio da due settimane), oltre che della giovane guardia Mattia Lena, anche lui fermato da una contrattura. Ma nonostante tutto gli uomini di coach Di Stefano si presentano al PalaFantozzi con intenzioni serie, pronti a fare lo sgambetto alla squadra di coach Franza, diretta inseguitrice della squadra camarinense. Partono bene capitan Distefano (nella foto) e compagni, lasciando poca iniziativa alla corazzata di casa, con un ritmo difensivo asfissiante: Palazzolo e Giacomo Rizzo si sacrificano sui lunghi avversari e cercano di tenerli a bada. Si assiste ad un primo quarto equilibrato con Giorgio Distefano che crea grandi difficoltà nel pitturato della Nuova Agatirno. Stesso equilibrio nel secondo quarto con la Emmolo Vigor che sembra manifestare i primi segnali di stanchezza, dovuti anche alla panchina più corta rispetto a Capo D’Orlando. Così al rientro dalla pausa lunga si avverte il colpo ed i locali prendono il sopravvento portandosi a +18, con le maglie difensive della Vigor che si allargano dando ampio spazio al contropiede avversario. Ma dopo un time-out chiamato da coach Di Stefano, Rizzo e compagni riprendono la partita in mano riducendo lo svantaggio anche grazie alla zona. Si assiste ad un finale mozzafiato, degno dei migliori thriller, con un ritmo vertiginoso e con gli arbitri che ben gestiscono l’agonismo di Capo d’Orlando. A quindici secondi dalla fine, il fischio arbitrale che sembra stabilire e definire le sorti della gara, che sanziona un fallo in attacco, mal digerito da coach Franza (fallo tecnico). Quattro tiri liberi e possesso per la Vigor. Evidentemente la troppa stanchezza tira un brutto scherzo prima a Lorenzo Mandarà e poi a Giacomo Rizzo, che ne realizzano solo uno. Con un tiro uscito dal cilindro ed in precario equilibrio, a sei centesimi dalla sirena, Capo D’Orlando passa in vantaggio di uno. La partita sembra finita, quando sul possesso di Lorenzo Mandarà, i locali spinti dalla frenesia commettono falllo. Ma evidentemente il destino era segnato: il giovane play sbaglia entrambi i tiri liberi, consegnando la vittoria ai padroni di casa. Comunque i complimenti vanno lo stesso fatti agli uomini di coach Di Stefano che hanno saputo dimostrare ancora una volta di non temere nulla e nessuno, nonostante le condizioni avverse. Domenica prossima la Emmolo Vigor chiuderà questa seconda fase playout, dominata, tra le mura amiche, giocando contro la Mia Messina e festeggiando la permanenza per il quarto anno consecutivo nel campionato di Serie C regionale.
Redazione
IL TABELLINO
Nuova Agatirno Capo D’Orlando 60 –  Emmolo S & C srl Vigor 59
Vigor: Pace 2  – Mandarà Mirko 5  – Rizzo Giacomo 15 – Distefano Giorgio  24  – Palazzolo 8 – Calvo n.e. – Cavallo  –  Busetta n.e.  – Rizzo S.  5  –  Mandarà Lorenzo
Nella foto il capitano Giorgio Distefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, il Santa Croce si gode i tre punti. Lucenti: “Era solo la prima battaglia”

E’ arrivata contro lo Sporting Priolo la prima vittoria in campionato per il Santa Croce c…