Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

E’ iniziata giovedì mattina, intorno alle 7.30, la demolizione della ex caserma della Guardia di Finanza a Punta Secca. A dare il via ai lavori c’erano il sindaco Franca Iurato, l’assessore all’Ambiente Giansalvo Allù, il dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune, architetto Maria  Angela Mormina, e il geometra Filippo Barone. La struttura, ormai da anni inutilizzata e fatiscente, farà spazio a un belvedere sul mare. Fin dall’alba un martello, montato su un escavatore, ha cominciato a demolire l’edificio di via Fratelli Bandiera dalla parte di piazza Faro. L’intero tratto di strada, ormai da qualche settimana, risultava chiuso per problemi di sicurezza. Per l’abbattimento dell’ex caserma e la realizzazione di un belvedere è stata stanziato un milione di euro, cifra inserita nel piano triennale delle opere pubbliche. Anche se in molti si sono opposti.

L’ultima critica è arrivata dal consigliere di opposizione Gaetano Pernice: “Chiedo alla Sovrintendenza di valutare la fattibilità e i tempi di questa operazione. A noi non risulta che l’ex caserma fosse sul punto di crollare, ossia la motivazione addotta dall’amministrazione per buttarla giù. Chiedo anche alla magistratura di fare piena luce su quanto accaduto. Infine, non posso non contestare i metodi utilizzati da sindaco e giunta: ancora una volta, di fronte a una decisione di vitale importanza per la città, hanno deciso di ignorare le richieste che provengono dai cittadini e dalle forze politiche di opposizione”. La risposta del sindaco Iurato non si è fatta attendere: “Abbiamo la relazione dell’ufficio dei vigili del fuoco che certifica la pericolosità ambientale e sanitaria di un edificio che da anni si cerca tra mille intoppi da abbattere. Oggi si è messo in sicurezza l’area, da domani di concerto con gli altri enti si parlerà della destinazione d’uso. Non scavalchiamo nessuno. Pensiamo solo alla sicurezza”. Sulla questione è intervenuto anche Antonello Firullo, legale rappresentante della M&NC SRL, una ditta privata che aveva avanzato richiesta di concessione demaniale all’assessorato regionale Territorio e Ambiente e che stamattina ha presentato presso la caserma dei carabinieri di Santa Croce Camerina, una diffida al sindaco a proseguire i lavori: “Ci chiediamo il perché di tanta fretta. Fino a ieri sono stato presso gli uffici della sovrintendenza di Ragusa e lì ho appreso di una “pec” inviata al sindaco che le intimava di non iniziare i lavori fino al 5 giugno, quando ci sarebbe stata la conferenza di servizio con tutti gli enti interessati. Aggiungo, e non è cosa da poco, che la delibera del 7 maggio non sembra affatto una ordinanza di demolizione quanto invece l’approvazione del progetto di demolizione che è cosa assai diversa dalla necessaria Ordinaza di demolizione prevista per legge e che sembra non risulti agli atti”. Le chiacchiere vanno avanti, il rudere e i suoi topi non ci sono più.

AGGIORNAMENTO: I lavori di demolizione sono terminati venerdì mattina. Dal profilo Facebook del Comune di Santa Croce Camerina si apprende che “a breve, l’area interessata sarà liberata dalle macerie e si provvederà a metterla in sicurezza e a renderla inaccessibile, in attesa di potere realizzare un belvedere attrezzato a servizio della collettività”.

Redazione

Guarda il VIDEO

[youtube] RPXKrKV63uk[/youtube]

11 Commenti

  1. costantino

    22 maggio 2014 a 11:56

    Ben fatto, Sindaco.

    Rispondi

  2. Massimiliano Incardona

    22 maggio 2014 a 16:55

    …..brava il Sindaco…..i soliti perditempo italianisti…..ci sono sempre……l’importante anche nn fare una nuova piazza porcata…….!!!

    Rispondi

  3. Rosario Mauro

    22 maggio 2014 a 20:08

    Spero che tra le intenzioni di questa Amministrazione, non ci sia quella di creare un belvedere su contrada Mezzagnone.

    Rispondi

  4. #sonosoltantounbuoncittadino

    23 maggio 2014 a 22:50

    Il qualunquismo della gente è davvero esasperato. Sempre tutti a criticare, tutti pronti a puntare il dito su tutto. Cosa c’è di sbagliato nell’abbattere una struttura fatiscente, per realizzare una terrazza panoramica in un punto davvero stupendo? Signori miei viaggiate, aprite i vostri orizzonti, plasmate le vostre menti in modo corretto…

    Rispondi

  5. Santacrocese

    24 maggio 2014 a 08:20

    …. Ma quale piazza e piazza ?!?! Il ‘belvedere’ e non se ne parla più !!!… Se non vedo il mare dalla camera da letto ,chi bellu e’ ?????

    Rispondi

  6. Unfanaticodipuntasecca

    24 maggio 2014 a 13:45

    Finalmente e’ stato abbattuto un edificio fatiscente, ben venga un belvedere in un punto spettacolare di Punta Secca

    Rispondi

  7. ROCCO da Butera

    24 maggio 2014 a 14:37

    Mare Nostrum cosi viene battezzato la caserma dei Safari dei topi , vieni a Punta Secca, sarai un turista e lasci i tuoi pensieri.

    ,

    Rispondi

  8. Alfio

    24 maggio 2014 a 15:44

    Terrazza panoramica in un punto stupendo?!??!!??!!?!!aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaashhhhhhhhhhhhhhhhhh

    Rispondi

  9. Giorgio Modica

    26 maggio 2014 a 15:05

    Da tutte le proteste che sono nate si dà l’impressione che ci sia un grande interesse di speculazione da parte di qualcuno. Prima tutti a protestare per la bruttura e la vetustà di quella costruzione. Ora che si vuole finalmente creare (una volta tanto!) uno spazio libero per la fruizione di tutti i cittadini, nascono le proteste da parte di persone o enti privati che magari vorrebbero specularci sopra! Senza riflettere che anche se fosse concesso a qualcuno, ve ne sarebbero altri dieci a protestare perché non è stato concesso a loro.” Sempri a solita storia: cu a vò cotta e ccu a vò crura!”

    Rispondi

  10. Giorgio Modica

    26 maggio 2014 a 15:11

    Chissà perché poi, la maggior parte di quelli che fanno i commenti li fanno in anonimo. Cosa c’è di così rischioso? Boh!

    Rispondi

  11. fabio

    30 maggio 2014 a 12:57

    Oh finalmente. Almeno una cosa positiva l’ha fatta il sindaco.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

“Posti di lavoro in cambio dei voti della Stidda”: le accuse all’ex sindaco Nicosia

L’hanno ribattezzata Operazione “Exit Poll”, visto il legame con la poli…