Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Sabato 7 giugno, personale del Comando della Polizia Municipale di Ragusa ha effettuato un sopralluogo in contrada Randello (territorio di Ragusa ma geograficamente più vicino a S.Croce), luogo in cui erano stati segnalati dei lavori edili sulla omonima spiaggia. Il sito interessato è raggiungibile dall’ingresso principale della “forestale”, sulla strada provinciale S.Croce Camerina–Scoglitti. Giunti sul posto gli operatori della Polizia Municipale accertavano sulla spiaggia, a ridosso delle dune, la messa in opera di una platea in legno delle dimensioni di metri 10 x 9, su cui si trovavano depositati dei pilastri e travi in legno. All’atto dell’accertamento i lavori erano sospesi e non c’erano operai. Sul sito non c’era il prescritto cartello indicante gli estremi dei titoli autorizzativi. Seguendo a ritroso le tracce sull’arenile, in direzione Scoglitti, si giungeva fino ad uno slargo di proprietà privata. E’ tuttora in corso l’attività della Polizia Municipale volta ad accertare eventuali violazioni di legge. Un folto gruppo si è costituito sui social network denominato “Giù le mani dalla spiaggia di Randello” (https://www.facebook.com/events/738702329514445/?fref=tsper esercitare pressione sugli enti che hanno autorizzato l´intervento e chiedono con forza controlli stringenti su quanto sta accadendo. La questione è stata affrontata anche dal Laboratorio politico, Lab.2.0, che ha sollevato il caso in questi giorni. Secondo l’associazione una multinazionale sta allestendo una spiaggia privata con gazebo e manufatti in legno sull’arenile. Dice Livio Tumino: “Al momento ci risulta che le uniche autorizzazioni pervenute siano da parte del Corpo Forestale e dalla Sovraintendenza. Non abbiamo notizie da parte dell’Ufficio Periferico del Demanio Marittimo né dal Comune. Tra l’altro il Comune nemmeno possiede un piano di utilizzo del demanio marittimo che consenta la costruzione su quest’ultimo di stabilimenti balneari. Sembra assurdo pertanto che i lavori siano iniziati, tra l’altro senza l’esposizione del Tabellone di cantiere dal quale si devono evincere gli estremi autorizzativi. E’ nostra ferma convinzione che aldilà delle dimensioni dell’intervento antropico, sia necessario evitare pericolosi precedenti. E´ palese che tale concessione favorisce soltanto la società multinazionale senza nulla portare alla collettività e che al contempo arreca grave danno al già fragile ecosistema” .

Redazione

2 Commenti

  1. Jackkuso

    8 giugno 2014 a 23:58

    Se ci tolgono l’ultima spiaggia che può definirsi tale ci potremo vantare di avere per arenili delle cloache

    Rispondi

  2. ilenia

    10 giugno 2014 a 04:24

    Che peccato…..la spiaggia di randello preserviamola. Cerchiamo di lasciare in eredità ai nostri figli l unico angolo incontaminato di spiaggia in cui è ancora visibile un barlume di macchia mediterranea….incontaminata. ….quel mare che si scorge tra le dune è una delle poche cose che abbiamo come ricordo di una madre natura benevola .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio, 2ª Categoria: Occhipinti e Vespertino, l’Atletico vince senza strafare

L’Atletico è brillante solo a tratti, ma basta un gol per tempo per aver ragione della Leo…