biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

DE PRINCIPATIBUS…

0 131

Dopo aver assistito alla superba vittoria della Nazionale di calcio, davanti a un ottimo bicchiere di birra in un famoso pub di Ragusa Ibla, Cassandra, sì proprio lei, ha festeggiato crogiolandiosi al sole sulla spiaggia della sua infanzia e di quella dei suoi adoratissimi figli: Casuzze! E tutto sarebbe finito lì! Ma tra le sue mani spunta un libretto (costo € 0,99), dal titolo “Il Principe”, di “tale” Niccolò Machiavelli! Troppo cervellotico da leggere sotto l’ombrellone? Sarà, ma i neuroni vanno nutriti sempre e comunque… Quindi, che ne pensate se la sacerdotessa mai creduta lo analizza con voi, pazienti lettori cibernauti? E magari si permette di adattarlo alla realtà del momento? Proviamo?

In questo libello si legge: “… quando un privato cittadino, non per scelleratezza o altra intollerabile violenzia, ma con il favore delli altri sua cittadini diventa principe della sua patria… dico che si ascende a questo principato… (il quale può chiamarsi principato civile), o con il favore del populo o con quello de’ grandi… e nasce da questo che il populo desidera non essere comandato né oppresso da grandi ed è grandi desiderano comandare e opprimere el populo… e da questi dua appetiti diversi nasce nella città uno de’ tre effetti: o principato o libertà o licenza… Colui che viene al principato con lo aiuto de’ grandi, si mantiene con più difficultà… perché si truova principe con molti intorno che li paiono essere sua eguali, e per questo non gli può né comandare né maneggiare a suo modo. Ma colui che arriva al principato con il favore populare, vi si truova solo e ha d’intorno o nessuno o pochissimi che non sieno parati a ubbidire… Il peggio che possa aspettare uno principe dal populo inimico è lo essere abbandonato da lui”. Ma “a uno principe e’ necessario avere il populo amico, altrimenti non ha nelle avversità remedio”. In sostanza, secondo Machiavelli, diventare principe per volontà popolare equivale a ottenere, per un verso, maggiore consenso, e per un’altro minore o, addirittura, nessuna opposizione. Quindi il popolo è il mezzo con cui il principe raggiunge e consolida il proprio potere in cambio di promesse di benefici e di libertà. Quindi il popolo non è libero per scelta, ma per volontà e convenienza del dominus a cui ha deciso di ubbidire e di cui ha deciso di farsi governare! Ma questi concetti non vi richiamano nulla alla mente mentre leggete l’attualità?

Il popolo italiano è stato libero o no di scegliere il proprio capo di governo? E’ stato libero o no se opere faraoniche, come il Mose di Venezia, dovevano essere realizzate o meno e, se sì, in quel modo? Ai milanesi è stata data la possibilità di decidere se era più utile per loro un evento come Expo 2015 oppure una serie di interventi più utili e meno appetibili per le mega-organizzazioni criminali di turno? Ai siciliani e ai calabresi è stata data la possibilità di decidere se la Salerno-Reggio Calabria doveva essere l’eterna incompiuta? Ai ragusani è stata data la possibilità di decidere se la loro provincia doveva essere soppressa o meno? Se avrebbe dovuto rinunciare ad avere un’autostrada che la colleghi al resto dell’Italia, specie adesso che c’è la necessità irrinunciabile di migliorare i collegamenti tra il territorio e l’aeroporto di Comiso? Ai santacrocesi è stata data la possibilità di decidere se un pezzo di storia del proprio borgo marinaro di P.Secca dovesse essere o meno travolto dalle ruspe troppo solerti durante il periodo elettorale delle Europee e se il recupero dell’area interessata avrebbe dovuto avvenire a costo zero per i contribuenti, per mezzo di finanziamenti privati, oppure a totale carico degli stessi, e quindi con accensioni di mutui, aumenti di tributi, e balzelli vari? E gli esempi potrebbero triplicarsi, decupicarsi, ma la risposta sarebbe ed è sempre la stessa: NO!!! Il popolo non decide, ratifica decisioni altrui, ed è interpellato solo se ed in quanto la sua decisione può incidere, ribaltandolo o rafforzandolo, sul potere costituito!

Provate a usare questo metodo nella moderna e potentissima Germania! In una città come Berlino, ad esempio, nessuna decisione determinante per la collettività e per il futuro della città può essere presa dall’alto, ma solo attraverso referendum consultivi, i cui risultati vincolano i politici locali! Queste sono le realtà che fanno la la differenza! Quindi liberiamoci dei principi e pretendiamo che le loro decisioni siano mera esecuzione della volontà popolare, anzichè imposizioni di scelte volutamente necessitate. E badate bene che proprio dal cyber-spazio questa reazione può diventare una realtà con cui il sistema non può non fare i conti! Tant’è che anche i grillini sono finalmente scesi dalla loro turris eburnea e dell’isolamento ostruzionistico imposto ai loro deputati per andare a dialogare con i reazionari europei e con il reazionario nazionale che ci governa! E’ evidente, infatti, che la lotta intestina che sta imperando all’interno del Pd può solo giovare ai Cinque Stelle, da un lato, e ai renziani, dall’altro. Ma al popolo sovrano, a quello della Costituzione italiana, a quello chi ci pensa!?!

Cassandra

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.