Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Ormai da due anni in Sicilia è stato acceso il Digitale Terrestre, ma i disagi per le improvvise sparizioni del segnale dagli schermi Tv continuano. Tante le segnalazioni che i cittadini santacrocesi hanno fatto in questi giorni di autentica “passione” alla nostra redazione, invitandoci a fare qualcosa. Per la verità ce ne siamo occupati già l’anno scorso di questi tempi, perché i problemi iniziano proprio con l’arrivo dell’estate. La frequenza della mancanza del segnale si è fatta davvero insopportabile e a questo gioco non manca certamente mamma Rai, a cui i cittadini versano un cospicuo canone annuo, per poi ricevere questo disservizio. All’epoca del segnale analogico avevamo il problema annoso della sparizione per tutta l’estate del primo canale della Rai (sempre loro), adesso invece spariscono tutti i segnali: Rai, Mediaset, La 7 e le altri emittenti. Sembrava che con l’avvento delle nuove tecnologie i problemi dovessero risolversi in un solo colpo e invece, è rimasto tutto come prima, mutuando il testo di una canzone di altri tempi. Chi dovrebbe risolvere il problema? Chi dovrebbe farsi carico di protestare verso i cosiddetti network? Abbiamo o no il diritto di vedere i nostri programmi preferiti in tutta tranquillità e possibilmente in maniera integrale? Forse chiediamo troppo? Eppure, quando arriva la scadenza del canone non ci lasciano respirare e, anzi, e se si paga in ritardo arriva pure la sovratassa. Insomma, solo doveri: per i diritti calma e gesso!

Salvo Dimartino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ la domenica della prevenzione: controlli di glicemia e pressione arteriosa

“Lo screening è vita”: con questo slogan l’Associazione Volontari del Soccorso di Santa Cr…