Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Teatro, danza, musica, mostre, spettacoli: Palazzo dell’Aquila ha investito 120 mila euro per il cartellone dell’Estate Ibleo 2014. “Valorizziamo il nostro territorio attraverso i nostri artisti locali”, ha spiegato venerdì mattina in conferenza stampa in sala giunta, l’Assessore alla cultura e beni culturali del Comune di Ragusa, Stefania Campo. A tale scopo sono in programma tre mesi di iniziative e spettacoli, dal primo luglio sino al 30 settembre. Teatro e danza, dicevamo, saranno protagonisti, ma anche concerti al castello di Donnafugata, a Marina di Ragusa, a Ragusa Superiore, a San Giacomo, al parco archeologico di Camarina e a Ibla. Durante la stessa conferenza stampa, per presentare il cartellone estivo ragusano è stato illustrato un evento inedito per la nostra provincia: “Note Barocche”, la prima rassegna di musica antica, eseguita con copie di strumenti e prassi dell’epoca, definiti storici, che caratterizzano proprio tale fenomeno musicale, presso il Castello di Donnafugata dal 26 Luglio al 1 Agosto 2014 (Inizio concerti, ore 21 – INGRESSO GRATUITO]:

Luglio
26 – Ensembles nelle corti italiane e tedesche – Carla Marotta (violino), Caterina Coco (violino), Alberto Firrincieli (clavicembalo), Jacopo Gianninoto (liuto).
27 – Solisti al castello – Carla Marotta violino, Caterina Coco violino, Alberto Firrincieli (clavicembalo), Jacopo Gianninoto (liuto).
28 – Un cembalo tra rinascimento e barocco – Alberto Firrincieli (clavicembalo)
29 – Improvvisazioni strumentali e vocalità – Dario Adamo (tenore), Alberto Firrincieli (clavicembalo), Jacopo Gianninoto (liuto).
30 – Ensemble Sìbarò – Fiati e vocalità nell’Europa del XVIII Secolo – Annamaria Pennis (soprano), Anna Spoto (traversiere), Angelo Litrico (chalumeau), Roberto De Santis (viola da gamba), Enrico Di Bennardo (clavicembalo).
31 – Musica vocale ed opera nel barocco – Dario Adamo (tenore), Alberto Firrincieli (clavicembalo), Jacopo Gianninoto (liuto).

Agosto
1 – Musiche alla corte di Elisabetta d’Inghilterra – Piero Cartosio (flauti diritti), Roberto De Sanctis (viola da gamba). Alberto Firrincieli è il direttore artistico dell’evento, ragusano insegna a Bangkok il clavicembalo alla Assumption University Department of Music Performance e pianoforte nelle scuole Yahama della città. Il maestro Firrincieli da tempo aveva espresso, come musicista, il desiderio di voler tornare, almeno per qualche giorno, nella terra natìa con quella che è la sua attività abituale, ossia il concertismo e la didattica musicale, specie nel campo della musica antica. Dario Adamo, tenore modicano, ha fatto da tramite per la realizzazione di questo evento e ci concede l’opportunità di scoprire l’ascolto di musica antica suonata nello spirito dell’epoca nella quale fu scritta, su strumenti originali o copie. La formazione e l’approccio interpretativo dei musicisti che ne prenderanno parte, specializzati in musica antica, presentano molti elementi distintivi, che risulteranno evidenti nelle loro esecuzioni anche a chi non possiede un orecchio cosiddetto musicale. Per musica antica si intende generalmente quella europea che va dal medioevo al Rinascimento e si include in questo termine anche la musica barocca. Quest’ultima indica una categorizzazione della musica composta nel diciassettesimo secolo e nella prima metà del diciottesimo che la fa corrispondere alla diffusione del barocco nell’arte, un marchio architettonico che contraddistingue lo stile ragusano. Sonorità d’altri tempi, diversa e ricercata, ci attende nella suggestiva cornice del Castello di Donnafugata, settimana da segnare in agenda, un’esperienza che merita sicuramente di essere vissuta .

Giusy Zisa

Dario Adamo

Alberto Firrincieli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Ragusa Ibla, al Donnafugata una mostra sulle amanti di Rossini, Bellini e Verdi

Tre grandi teatri italiani “racchiusi” all’interno di uno dei teatri più piccoli al mondo …