2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Settima maratona “Alla Filippide”: Cristian Di Giorgi e Marlisa Fiorino primi sul traguardo di Punta Secca

0 162

Ha preso il via domenica mattina alle 4:40, presso l’antica stazione di Chiaramonte Gulfi, a m 833 sul livello del mare, la 7ª edizione della maratona denominata “Alla Filippide”. I 105 atleti partecipanti, di cui 14 donne, hanno percorso i km 42,195 all’antica, ossia senza ausilio di cronometri, orologi da polso, cardiofrequenzimetri e altro, per emulare al meglio il gesto dell’emerodromo Filippide, gli unici a rilevare i tempi intermedi nonché quelli di arrivo di tutti i concorrenti sono stati i cronometristi dell’Asd “Hyblea” di Ragusa con cronometri manuali collegati a stampante. Gli atleti, dopo aver percorso una parte della suggestiva “planata degli iblei” con attraversamento del feudo di Donnafugata, location del film il Gattopardo di Luchino Visconti, la campagna circostante e le zone limitrofe di Santa Croce Camerina, sono giunti nella splendida spiaggia di Punta Secca a pochi metri dell’ormai famosa casa del Commissario Montalbano in cui è stato posto il traguardo. A fare gli onori di casa il vice-sindaco Corallo, del comune di Santa Croce Camerina, il Presidente regionale Avis Mandarà Salvatore.

Nella categoria maschile ad aggiudicarsi il 1° posto è stato il ragusano Cristian Di Giorgi della società “No al Doping” con il tempo di 2h51’04”, precedendo il catanese dell’Asd Atletica Sant’Anastasia, Riccardo Chioccoloni di appena 11”, al 3° posto si è classificato, come nella scorsa edizione, Santo Monaco della società Placeolum di Palazzollo Acreide, che ha bloccato i cronometri a 2h57’36”.

Nella categoria femminile, i primi 2 gradini del podio sono stati una riconferma dell’edizione scorsa ma con dei miglioramenti cronometrici di grande rilievo: al 1° posto Marlisa Fiorino della Asd Atletica Sicilia di Catania ha fatto registrare il tempo di 3h35’19” migliorandosi di 7’47”, al 2° posto si è piazzata Eleonora Suizzo dell’Asd Archimede di Siracusa, con il tempo di 3h38’10” migliorandosi di 18’21”, mentre l’ultimo gradino del podio è andato alla romena Grabiela Chebac, tesserata dalla Podistica Jonia di Giarre, che ha bloccato i cronometri a 3h42’24”. I vincitori, giunti al traguardo, sono stati premiati con corone di alloro dedicate a Psaumide e Parmenide, i due atleti dell’antica Kamarina plurivincitori nelle specialità della Biga e dello Stadion.

Redazione

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.