Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

I militari dell’aliquota operativa del Nucleo Operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di Ragusa hanno denunciato due persone per resistenza a pubblico ufficiale e altri reati in esito a un pericoloso inseguimento iniziato dal lungomare Andrea Doria a Marina di Ragusa e terminato in centro a Santa Croce Camerina. I militari dell’Arma, come loro consueta usanza, anziché perdersi in proclami e promesse sulla prevenzione e repressione dei reati sul litorale, semplicemente lo fanno. Anche ieri sera erano impegnati, sia in uniforme che in abiti civili, a combattere il crimine e l’illegalità nella frazione balneare di questo capoluogo.

Verso le 22.30, due militari su auto “civetta” hanno notato una Fiat punto blu stranamente carica, con il posteriore visibilmente appesantito. Mostrata la paletta, hanno intimato l’alt per procedere a un controllo. Il conducente, per nulla convinto, ha premuto l’acceleratore ed è fuggito. Ne è scaturito un folle inseguimento per le vie di Marina, prima sul lungomare, poi all’interno, poi lungo la sp120 verso Santa Croce e infine nel centro camerinense tra i pedoni terrorizzati. Da ultimo, in una stretta via di quel centro, il conducente apre la portiera e scappa a piedi con l’auto ancora in movimento. Questa finisce la sua corsa contro la Citroen di un residente e si ferma. Anche il passeggero tenta la fuga, ma mentre il conducente riesce a scomparire tra le viuzze, l’altro viene bloccato e condotto in caserma. È un minorenne comisano, ufficialmente disoccupato. Attraverso il veicolo, peraltro sequestrato poiché privo di assicurazione, i militari risalgono al proprietario, un marocchino 23enne residente a Comiso, già noto per questioni di droga. Per tutta la notte cercano, tra Santa Croce e Comiso, di rintracciarlo a casa o nascosto da conoscenti. Nulla di fatto, ad ora il marocchino è irreperibile.

Aperta l’auto, la sorpresa: il portabagagli era stipato di mercanzie, ovviamente tutte con noti marchi contraffatti. Sono stati sottoposti a sequestro 44 occhiali da sole a marchio “Ray ban”, 3 occhiali da sole a marchio “Prada”, 2 occhiali da sole a marchio “Mark Jacobs”, 9 foulard a marchio “Burberry’s” e “Fendi”, 8 maglie polo a marchio “Hermont e Blaine”, 16 maglie polo a marchio “Fred Perry”, 3 maglie polo a marchio “Lacoste”, 21 maglie polo a marchio “Ralph Lauren”, 6 maglie polo a marchio “La Martina”, 3 maglie polo a marchio “Burberry’s”, 8 maglie polo a marchio “Colmar”, 7 maglie polo a marchio “Armani”, 3 maglie polo a marchio “Blauer”, 1 maglie polo a marchio “K-way”, 5 maglie polo a marchio “DSQuared”, 28 paia di scarpe a marchio “Nike”, 15 paia di scarpe a marchio “Adidas”, 27 paia di scarpe a marchio “Hogan”, 3 bermuda a marchio “Harmont & Blaine”, 1 bermuda a marchio “Burberry’s”, 1 telefono cellulare.

Entrambi sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Ragusa per resistenza a pubblico ufficiale in concorso. A carico del marocchino s’ipotizzano altresì i reati di introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi (c.p. art. 474), ricettazione (c.p. art. 648), guida senza patente per non averla mai conseguita (art. 116/15°-17° c.d.s.), commercio di occhiali da sole privi della marcatura CE (artt. 14/4° e 12 d.lgs. 475/1992), omessa copertura assicurativa, e poi guida pericolosa, fuga a seguito di sinistro stradale, sorpasso pericoloso e altre del codice della strada. Il commercio di abbigliamento e occhiali falsi è un grave reato ampiamente sottovalutato in questo Paese da tanta gente che attratta dai prezzi bassi non tiene in considerazione il potenziale gravissimo pericolo per la salute – ad esempio – di occhiali da sole prodotti con plastiche non garantite anti-UV che potrebbero causare importanti patologie agli occhi. Non solo, il NAS CC di Ragusa ha nel recente passato scoperto che le scarpe cinesi contenevano prodotti tossici che provocavano irritazioni alla pelle dei piedi. Non si potrebbe escludere altresì che i coloranti utilizzati per bermuda e polo non provenienti dal mercato regolare possano essere irritanti per la pelle e causare dermatiti. I carabinieri, sia i NAS che la territoriale, sono e saranno quotidianamente in prima linea anche contro questi reati, sia per la giustizia che per la salute del cittadino. La campagna contro il falso in spiaggia e nei mercatini (si sospetta che il fuggiasco provenisse da un mercatino di Donnalucata) procederà senza indugi fino alla fine della stagione turistica.

Redazione

8 Commenti

  1. Antonella

    13 agosto 2014 a 15:06

    Qualche giorno in carcere e poi di nuovo liberi, in Italia si usa così

    Rispondi

  2. ....

    13 agosto 2014 a 15:10

    Che c’è di male se questo ragazzo vendeva cose contraffatte?? Non è l’unico in tutta Italia che vende certe cose. Lasciate lavorare la gente in santa pace, che cerca di guadagnarsi da vivere onestamente.
    Meglio vendere cose contraffatte, che andare a rubare!!!!

    Rispondi

  3. santacruciaro

    13 agosto 2014 a 15:30

    li dovrebbero buttare le chiavi appena lo mettono dentro meno male che nn cerano gente seduti fuori ieri sera perche altrimenti qualcuno si faceva male e poi uno nn deve essere razzista

    Rispondi

  4. Giovannella

    13 agosto 2014 a 16:01

    Andate ad arrestare i VERI delinquenti , e lasciate in pace i ragazzini che cercano di lavorare ,che con la crisi e disperazione che c’è in giro è sempre meglio di niente.

    Rispondi

  5. Andrea

    14 agosto 2014 a 15:03

    Quanto rumore per nulla!! Ma lasciateli lavorare in pace ai ragazzi, anche se vendono scarpe contraffatte, non c’è nulla di male, l’importante è fare qualcosina per lavorare.
    State facendo il possibile pur di far scappare dall’Italia questi pochi ragazzi che restano. Vergogna!!!!

    Rispondi

  6. Alfio

    14 agosto 2014 a 21:51

    Ma statevi un po’ zitti.che motivo aveva per scappare ad un normale controllo ?voi che parlate quando vi alzano la paletta scappate o vi fermate ?se uno scappa e’ normale che venga inseguito!!!vergognatevi voi di questi commenti assurdi!

    Rispondi

  7. santacruciaro

    15 agosto 2014 a 23:05

    condivido con alfio

    Rispondi

  8. Franco

    18 agosto 2014 a 17:18

    A leggere certio commenti mi vergogno di essere santacrocese….
    ma siete tutti lobotomizzati? Voi pensate che un ragazzo che vende roba contraffatta non ha alle spalle alter persone? e cmq se questi ora vendono questa roba, più avanti smerceranno droga e altro, credeteci.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…