Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

L’episodio ‘Alla ricerca della statua perduta’ della serie televisiva ‘Il commissario Montalbano’, in diretta da Punta Secca, vede ancora una volta coinvolto Zingaretti nelle accurate indagini in corso per un caso che ci lascia senza parole, immobili come una statua. Da qualche giorno, è sparita proprio quella statua che lo raffigura, realizzata interamente in ferro battuto e donata dal fabbro Nino Barone, un artigiano locale, che a luglio era stata posta nel parcheggio di ingresso della frazione balneare di Punta Secca. Tra polemiche ed acclami era diventata simbolo immancabile per la pratica, oggi diffusa, dei selfie dei numerosi e curiosi turisti che si recano quotidianamente “in pellegrinaggio” proprio alla casa del commissario che si affaccia sulla spiaggia di Marinella. Saggio ed esperto Montalbano, immaginiamo si stia muovendo tra le indagini che appaiono decisamente complicate e top secret, coadiuvato senza dubbio, come sempre, da Fazio, il suo agente esperto e fidato. Catarella, il solito confusionario, non risponde al centralino del commissariato di Vigata, alle innumerevoli richieste dei residenti del borgo marinaro che si interrogano senza sosta sulle sorti della statua. Il signor Cascone, preoccupato e premuroso, offre una testimonianza spontanea per la risoluzione del caso e ha informato gli inquirenti che già martedì mattina alle 6,30 al buon commissario avevano rubato il pezzo forte: gli occhiali da sole… Alla redazione del nostro giornale giungono, contemporaneamente, numerose richieste affinché la statua, tra l’ altro da poco autografata, ritorni presto al suo posto a fare gli onori di casa e confidando nell’abilità investigativa del commissario più famoso d’ Italia speriamo di conoscere nel più breve tempo possibile, ulteriori precisi particolari della vicenda per la risoluzione immediata del caso.

UPDATE: LA STATUA E’ TORNATA NELL’OFFICINA DEL SUO ARTIGIANO
Il giallo della statua è quasi risolto. E’ stato l’artigiano Nino Barone, artefice della stessa, a confermare in una intervista a ‘La Sicilia’, come il suo Montalbano sia tornato a casa: “Da qualche giorno la statua era oggetto di particolari “attenzioni” da parte dei vandali. Per due volte sono spariti gli occhiali da sole che inforcava, così ho deciso di riportarla in officina. Pensavo meritasse più attenzione e rispetto”. Ma la coda della questione è polemica: “L’Ufficio tecnico del Comune mi ha appena detto che la mia statua poteva sostare a Punta Secca fino al 31 agosto, cosa di cui prima non ero a conoscenza. E inoltre mi ha pregato di ritirare le altre opere che ho donato alla città”.

Giusy Zisa

18 Commenti

  1. Fabio

    4 settembre 2014 a 13:00

    Finalmente qualcuno dotato di buona coscienza e di buon senso ,si è deciso a rimuoverla.
    Hanno capito che quella statua, (col massimo rispetto per l’artista), risultava ridicola agli occhi degli altri.

    Rispondi

  2. Snaporaz

    4 settembre 2014 a 13:11

    “ritorni presto al suo posto a fare gli onori di casa”??

    piuttosto da oggi in poi negli anni si dovrebbe festeggiare il 3 Settembre come il giorno della liberazione da quell’obrobio!!
    finalmente i turisti smetteranno di ridere di noi!

    Rispondi

  3. Loredana

    4 settembre 2014 a 13:14

    Finalmente quella “cosa” alquanto bizzarra e suggestionante è stata rimossa!!!!

    Rispondi

  4. Giusy

    4 settembre 2014 a 13:17

    Arrifriscu , finalmente vi siete decisi a toglierla quella meraviglia !!!

    Rispondi

  5. velardis

    4 settembre 2014 a 19:55

    I civilissimi cittadini di Santa Croce sono molto solerti a criticare spregiativamente l’estetica della statua. Non ho letto però nessuna condanna per gli atti di vandalismo compiuti sulla statua che, anche se non incontra i nostri gusti estetici, sempre di atti di vandalismo si tratta!

    Rispondi

  6. kira

    4 settembre 2014 a 23:06

    Da premettere che a me la statua non piaceva però ce da dire ke non è giusto disprezzare il lavoro di un artigiano ke anzi dobbiamo ringraziare x i suoi doni xkè secondo me voleva provare ad abbellire il nostro scialbo paese. Ditemi quanti di noi cittadini ci ha provato? La risposta secondo me si vede uscendo dalle case e vedendo il paese peggiorare di giorno in giorno.

    Rispondi

  7. Andrea

    5 settembre 2014 a 12:04

    Effettivamente è stata cosa buona e giusta rimuovere quella statua, perchè oltre a renderci ridicoli agli occhi degli altri, siamo stati presi giro per un’intera estate,dai turisti,che non perdevano occasioni di fotografare la statua per deriderla!!
    Questa scelta della rimozione, è stata più che sensata!!!!

    Rispondi

  8. Djax

    5 settembre 2014 a 12:43

    Bella brutta discreta non appropriata obbrobrio particolare ecc ,sicuramente opinioni soggettive ma tra non fare e fare meglio farle le cose e non stare a criticare con commenti degni di poco rispetto nei confronti di chi con coraggio propone un idea che altri neanche lontanamente o per timore o per non averci pensato prima tipo uovo di C.Colombo non riescono a concluderla
    Ps
    Tantissime persone anche chi la disprezzata e chi la presa in giro un selfy la rubato non caposco tanto accanimento o ” gelosia”

    Rispondi

  9. giuseppe

    5 settembre 2014 a 16:53

    Ma cosa rodono? Vi state sbagliando di grosso!!! La statua come tutto il resto sono segni di amor per la propria terra. Oltre ad essere una vera e propria opera d’ arte. Van Gogh mi dite che dipigeva meglio???

    Rispondi

  10. Franco

    5 settembre 2014 a 19:40

    Tutti a criticare la statua…. nessuno però parla dell’ultima frase che secondo me è terribile, cioè che l’ufficio tecnico ha pregato il sig. Barone di ritirare le altre opere…. e perchè???cosa c’è sotto?? non so perchè ma questo mio paese (ci sono nato) mi fa sempre più schifo…

    Rispondi

  11. Gianni

    7 settembre 2014 a 00:05

    La statua era bruttissima ed i gesti vandalici non facevano altro che rispecchiare il giusto mancato rispetto per questa bruttura. Ed assolutamente d’accordo circa il ritiro delle altre statue ugualmente brutte. Non è perché uno si inventa artista che la cittadina è costretta a subire le sue opere.

    Rispondi

    • velardis

      7 settembre 2014 a 18:05

      Secondo la tua logica se non mi piace il modello della tua macchina sono autorizzato a danneggiarla.

      Rispondi

  12. DottorG

    7 settembre 2014 a 20:09

    Più passa il tempo,e più mi accorgo di vivere in un paese veramente schifoso,non tanto per la bruttezza del paese in se,quanto per la meschinità del santacrocese medio che purtroppo infesta la nostra città. Vedo tanti commenti di disprezzo nei confronti delle opere del Sig. Barone: lasciando da parte il gusto personale,trovo veramente vergognoso scagliarsi contro una persona che altro non ha fatto se non mettere a disposizione del proprio paese la propria arte,cercando di abbellire una cittadina che di bello non ha proprio nulla.
    Criticate,insultate,vi indignate nei confronti di questa statua,ma la realtà dei fatti qual è? Che in estate centinaia e centinaia di turisti e curiosi,si sono avvicinati alla statua di Montalbano per scattare una foto. Se la statua fosse veramente così poco apprezzata,pensate che ci sarebbero persone disposte a farsi fotografare di fianco ad essa? Io non credo proprio.
    Tutti voi vi scagliate contro il Sig. Barone,ma voi cosa fate per la cittadina camarinense,a parte passeggiare in piazza nella nullafacenza più assoluta,esercitando il vostro sport preferito,ovvero il “curtigghiu”? Curtigghiu basato sulla profonda ignoranza che vi appartiene,e purtroppo sulla più grande piaga sociale che affligge la nostra città: l’invidia.
    Io spero vivamente che lasciate da parte i commenti offensivi e gli insulti nei confronti di questa opera,e soprattutto nei confronti dell’artista che,A SUE SPESE, l’ha realizzata,visto che il vostro diploma da terza media stentato non vi conferisce il titolo di “Critico d’Arte”.

    Rispondi

    • Andrea

      8 settembre 2014 a 10:42

      Ma è vietato per legge esprimere commenti soggettivi?? Se la statua non piace, e a quanto pare non piace a molti, ogni persona è liberissima di esprimere il proprio disgusto. Non ci vedo nulla di offensivo, se la statua non piace, non piace, punto e basta!!!!

      Rispondi

      • Studente

        11 settembre 2014 a 11:09

        No, non è vietato. E’ vietato insultare l’artista,offendere e ridicolizzare chi con il sudore e l’amore per il proprio paese ha voluto fare qualcosa; e voi invece? Voi cosa avete fatto di costruttivo in questa città se non criticare a oltranza.
        Leggendo tutti questi commenti ho notato che a s.croce siamo pieni di critici d’arte e benefattori.
        Sempre più indigniato dalla mentalità e dal comportamento dei miei compaesani(non tutti).

        E solo perchè vedevate i turtisti farsi quattro risate davanti alla statua non potete di certo affermare che era ridicolizzata.

        Rispondi

    • Fabio

      8 settembre 2014 a 10:50

      Io non capisco questo obbligare la gente a esprimere per forza pareri positivi in merito la statua. Se alle persone quella statua non piace, possono dirlo, però a quanto pare….La verità ,fa male!!!
      Per quanto riguarda le foto, non avete ancora capito che erano tutti selfie di sfottenza alla statua, siamo stati ridicolizzati per un’intera estate!!!!

      Rispondi

  13. Numava

    9 settembre 2014 a 09:43

    Condivido il Dottor G., i Santacrocesi sono sempre stati criticoni e ficcanaso nei fatti altrui, ma ora si è arrivati ad un punto veramente vergognoso!!!! Non si ha più rispetto per nessuno!!

    Rispondi

  14. Agata Iacono

    16 settembre 2014 a 21:02

    Diciamoci la verità, da puntassecchese DOC: la statua faceva ridere ed il logo della banca era il completamento ideale per farsi sfottere da mezzo mondo. Il comune di Santa Croce non può esporre qualsiasi oggetto venga donato, per ottenere visibilità. Ce la siamo sorbiti tutta l’estate e finalmente è sparita. Poiché era a 10 metri da casa mia, ho avuto modo di ascoltare i commenti e gli sfottò anche dei turisti, alcuni molto pesanti sulla strumentalizzazione di un fenomeno di rivalutazione del territorio, dovuto solo alla location della serie TV. Non basta che i prezzi siano alle stelle, le strade sporche e la cementificazione selvaggia?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Il progetto di Avis e Mov. Animalista: “Donare due volte: una casa e una vita”

In occasione del Natale solidale 2017, l’Avis di Santa Croce Camerina e il Movimento…