Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Il commissario straordinario della provincia di Ragusa Carmela Floreno ha presieduto l’assemblea dei soci della Film Commission Ragusa per discutere delle iniziative e delle interlocuzioni da mettere in campo pro la fiction del commissario Montalbano. Presenti i sindaci di Santa Croce e Scicli Franca Iurato e Franco Susino, gli assessori Stefania Campo del comune di Ragusa, Sandra Sanfilippo del comune di Comiso, Alessandro Cascone del comune di Chiaramonte Gulfi e l’esperto del comune di Vittoria, Angelo Fraschilla, nonché il presidente e il direttore della Film Commission Gianni Molè e Pasquale Spadola. Si è discusso sul ‘rischio’ che una casa museo dedicata a Montalbano possa nascere a Noto e soprattutto sull’opportunità di trattenere la produzione della fiction in provincia di Ragusa nonostante i rischi di un ‘trasloco’ in Puglia. Il commissario Floreno ha esortato gli amministratori locali a mettere in campo azioni incisive per bloccare il trasferimento della produzione della fiction che ha dato tanto in termini di presenze turistiche e di visibilità al territorio ibleo. E’ stato deciso dopo approfondito e articolato dibattito di avviare un’interlocuzione con la Regione Siciliana affinché si possa avere un confronto franco con il produttore Piero degli Esposti ma partendo da basi solide e convincenti e preliminarmente tutti i sindaci della provincia di Ragusa si riuniranno per definire una proposta unitaria da sottoporre alla casa produttrice, non trascurando l’ipotesi proposta dall’assessore Stefania Campo del comune di Ragusa di destinare parte della tassa di soggiorno alla realizzazione della fiction. Mentre per quanto concerne il museo della casa di Montalbano si è deciso di predisporre una proposta concreta di fattibilità per realizzarlo tenendo conto della volontà dei comuni di non ‘delocalizzare’ questo strumento ulteriore di promozione turistica e di fare in modo così che si rafforzi l’identificazione di Montalbano con la provincia di Ragusa.

Redazione 

3 Commenti

  1. Franco

    16 settembre 2014 a 17:52

    La cosa divertente è che il nostro comune si sta dedicando solo a a punta secca proprio per montalbano…. e le piante da 12mila euro in quale giardino di quale persona importante andranno a finire???
    Magari le rivendono e danno i soldi ai disoccupati? se….buonanotte….

    Rispondi

  2. Sofia

    17 settembre 2014 a 11:34

    Ma è mai possibile che per l’amministrazione di S.Croce esiste solo P.Secca? Abbiamo un paese fetente e pensano solo a P.Secca,
    Che schifo , è diventata un’esagerazione alquanto disgustosa e di pessimo gusto!!!

    Rispondi

  3. Dux

    19 settembre 2014 a 21:08

    Perché non vi mettete a pregarlo in ginocchio magari si convince e rimane!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

E’ rinata la Fanfara dei Bersaglieri: primo obiettivo il raduno a San Donà di Piave

Una delle più significative ed esaltanti fra le tradizioni nate e cresciute con la storia …