Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

I Carabinieri della Stazione di Santa Croce Camerina, unitamente a quelli del nucleo operativo e radiomobile e del nucleo investigativo di Ragusa, hanno effettuato un altro blitz contro gli spacciatori nella “piazza” del centro camarinense. Dopo gli interventi a tamburo battente su Punta Braccetto (che peraltro di fatto ricade nel territorio del comune di Ragusa) e Randello, il baricentro dell’attività di spaccio s’è nuovamente spostato a Santa Croce. Pare che la storia ciclicamente si ripeta poiché anche l’anno scorso col termine della stagione balneare gli spacciatori avevano preferito l’affollato centro santacrocese, creando peraltro talvolta un po’ di scompiglio tra i passanti.

Dopo l’intervento dello scorso venerdì che aveva permesso di rinvenire 42 grammi di hashish pronti alla vendita e identificare due fratelli clandestini (dei quali almeno uno responsabile delle detenzione della droga ai fini di spaccio) che sono stati espulsi e accompagnati al centro di espulsione (C.I.E.) di Caltanissetta, martedì sera, sempre all’orario dell’aperitivo, alcuni nordafricani dediti allo spaccio di hashish si sono ripresentati per le vie di Santa Croce. Purtroppo per loro si sono presentati all’appello anche i carabinieri, con militari in borghese mescolati ai pedoni per osservare i movimenti degli spacciatori. Qualcosa è andato storto e, qualche attimo prima dell’intervento per accerchiare i sospetti, c’è stato un fuggi-fuggi generale. Probabilmente un tunisino già più volte arrestato per droga ha riconosciuto tra la gente un carabiniere di Ragusa in borghese che l’aveva arrestato lo scorso febbraio in esito all’operazione “biberon”. I militari ovviamente hanno cercato di fermarne qualcuno ma, sparpagliatisi ognuno per sé, i sospetti sono riusciti a sparire. Sul posto è rimasto un sacchettino in terra. Raccoltolo, i militari hanno constatato che conteneva nove stecchette di hashish per un peso di 14 grammi. La droga è stata sequestrata ma questa volta a carico di ignoti, poiché non è stato possibile, nella calca, vedere chi l’avesse buttata. Certo non sarà l’ultimo capitolo della storia, i carabinieri infatti sono ora ancor più agguerriti e determinati per mettere qualche punto fisso sulla questione e non demorderanno finché i responsabili dello spaccio non saranno in manette.

Redazione

3 Commenti

  1. Loredana

    1 ottobre 2014 a 12:04

    Ma quanti belli articoli su questi signori….Alla faccia dell’integrazione e della festa Saracena!!!!!

    Rispondi

  2. Franco

    1 ottobre 2014 a 17:13

    certo, ora gli spacciatori sono diventati idioti e spacciano in piazza…

    Rispondi

  3. Giuseppe

    6 ottobre 2014 a 13:34

    gli spacciatori non sono mai idioti, sanno quello che fanno, e sanno pure che possono contare sull’appoggio della loro gente, la stessa cosa non la possono dire i Carabinieri che devono fare tutto da soli, quando vi svegliate e iniziate ad amare la vostra terra??? Le forze dell’ordine sono dalla vostra stessa parte e parte di voi, fanno un lavoro sporco e anche mal pagato, dovete aiutarli!!! e non parliamo delle leggi ma parliamo dei nostri figli del loro futuro.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…