Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Venerdì pomeriggio, intorno alle 18, si è sviluppato un incendio presso un’abitazione di piazza degli Studi, in pieno centro, a Santa Croce. Sono stati due ragazzi extracomunitari a inoltrare la chiamata d’emergenza ai Vigili del Fuoco. I due, dopo essersi introdotti da una finestra e aver constatato il pericolo, hanno dato l’allarme. E’ scattato immediatamente l’intervento della sala operativa del Comando provinciale dei pompieri, che ha disposto l’invio della squadra operativa del distaccamento dei Vigili Volontari di Santa Croce e di una squadra dalla sede centrale del Comando di Ragusa. Secondo le prime ricostruzioni pare che l’incendio si sia sviluppato per cause accidentali ed è divampato all’interno dei locali al primo piano, interessando un salone ed una camera da letto, coinvolgendo diversi suppellettili e danneggiando l’impianto elettrico. Una signora stava dormendo all’interno dello stabile al momento dell’innesco. Ma è subito stata soccorsa e ricoverata successivamente in ospedale per lo shock subito. Non si sono registrati feriti.

Il personale dei Vigili del fuoco, accertato che gli ambienti erano sgomberi di persone, ha immediatamente avviato l’opera di spegnimento del rogo e la messa in sicurezza dell’area. A causa delle temperature raggiunte, i solai hanno subìto il distacco dell’intonaco, pertanto l’edificio rimane allo stato inagibile. I Vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme prima che si propagassero alle abitazioni vicine. Sono intervenuti i Carabinieri del nucleo radiomobile.  Le operazioni di spegnimento si sono concluse intorno alle ore 20.

Dichiarazioni operatori 118 di Santa Croce dopo l’incendio

Salvatore Meli infermiere capo equipaggio sull’ambulanza del 118 che ha fatto il primo intervento ha dichiarato subito dopo: “Rientrando da un intervento a Cava d’Aliga per un incidente, siamo stati allertati dalla centrale operativa in codice rosso per un incendio a pochi metri della sede del 118 di S.Croce. Arrivati subito dopo i vigili urbani abbiamo trovato grande confusione e tra le persone presenti il timore che all’interno ci fossero bambini. Pur non essendoci le condizioni di sicurezza si è scelto di entrare. All’interno tre adulti che sono stati soccorsi e accompagnati in luogo sicuro”.

Rosario Pluchino, consigliere al comune di Santa Croce e infermiere del 118 che più volte si è occupato delle tematiche sulla sicurezza  non solo sanitaria nella città del sole ha dichiarato: “questa storia che arriva a breve distanza dell’incendio scoppiato durante i festeggiamenti di Santa Rosalia, mette in risalto ancora una volta il problema  della sicurezza nel paese. In questi giorni, si discute all’ARS il riordino della rete ospedaliera e territoriale, colgo l’occasione per invitare il sindaco ad attivarsi affinchè non perda,  dopo avere perso il treno per la rete dell’infarto, anche quello della sicurezza del medico a bordo nelle ambulanze che operano a Santa Croce  e nelle fasce costiere. Voglio ricordare come questo territorio abbia non solo abitanti censiti ma molti che abitano nelle campagne e tanti turisti occasionali e non, a cui si garantisce comunque assistenza.

Redazione

Un Commento

  1. Feres

    18 ottobre 2014 a 11:06

    Ma veramente li sopra c eravamo io e un altro ragazzo e in oltr i vigili del fuoco sono arrivati dopo che avevo portato giù la signora

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

L’orto botanico delle meraviglie: caffè, cotone e papaya a due passi da casa

Chi l’avrebbe mai detto o pensato che, a pochi passi dal centro abitato di Santa Croce, es…