Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Per impedire all’ufficiale giudiziario di notificare loro lo sfratto, si sono fatti murare dentro casa e si sono legati alle bombole del gas. Protagonisti della vicenda Pina e Paolo Iacono, coniugi ragusani residenti a Pedalino, frazione di Comiso, la cui casa è finita all’asta ed è stata svenduta per 30mila euro. L’ufficiale giudiziario è entrato in casa passando dalla finestra e ha iniziato una trattativa: sfratto evitato. Venerdì mattina l’ufficiale giudiziario avrebbe dovuto consegnare l’immobile alla nuova proprietaria, una donna di Comiso, che l’ha acquistata per 30mila euro, circa un quinto del valore commerciale dell’appartamento, secondo i prezzi medi dell’area. Pina e Paolo Iacono giovedì sera hanno deciso di difendere la loro casa e hanno chiamato un muratore che, con calce e mattoni, ha eretto un muro nel vano dell’ingresso. L’appartamento si trova al piano terra e per l’ufficiale giudiziario non è stato difficile entrare dalla finestra, a dimostrazione del fatto che quello messo in atto dalla coppia è un gesto simbolico per attirare l’attenzione sul drammatico problema delle aste giudiziarie. Anche l’azienda agricola degli Iacono è all’asta, per 8.600 euro, valore molto inferiore a quello reale.

L’iniziativa dei coniugi non è stata inutile. La coppia potrà infatti rimanere nell’abitazione, almeno per il momento. La trattativa fra l’ufficiale giudiziario, la nuova acquirente dell’immobile e i coniugi Iacono è finita: la proprietaria ha dato la disponibilità a un incontro in settimana con i legali delle rispettive parti per trovare un compromesso: probabilmente verrà data la possibilità ai coniugi di ricomprare la casa allo stesso prezzo per cui la donna se l’è aggiudicata. “E’ un ottimo risultato per noi – dice Marcello Guastella del Movimento dei diritti per gli agricoltori -. Finalmente qualcosa comincia ad andare per il verso giusto”.

Redazione

3 Commenti

  1. Fabio

    1 novembre 2014 a 06:43

    Ma questa donna non ha nulla di meglio da fare che acquistare la casa di questi poveretti?? Allucinante , mi vergogno di essere italiano!!! Si pensa solo a fare guerra alle persone indifese!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  2. Giovannella

    1 novembre 2014 a 08:12

    Se si hanno serie intenzioni di comprare casa , la si compra in modo serio e corretto, con gli sforzi e i sacrifici, come fatto tutte le persone oneste!!!
    Comprare case all’asta e approfittarsi della disperazione della gente , è il gesto più vigliacco e meschino che possa mai esistere!!!!
    Tutta la mia stima e la mia solidarietà a questa famiglia!!!!

    Rispondi

  3. santacruciaro

    2 novembre 2014 a 16:20

    io me la prendo con l ufficiale giudiziario ma il cuore ce lai carissimo signore o hai una pietra al suo posto una famiglia nn si butta mezzo la strada dateli la possibilità di potervi pagare cio che li spetta e poi un altra cosa perchè nn sfrattate i rom e li altri che occupano case senza i requisiti li gli ufficiali nn ci vanno vero

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Hashish nelle tasche del giubbotto: fermato 20enne tunisino a Santa Croce

Controllo ad ampio raggio dei Carabinieri nel territorio di Santa Croce Camerina: nella se…