Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Dura solo un tempo la gara fra il CS Kamarina e il Rosolini calcio a 5, giacché gli ospiti, sotto di dodici reti e con soli due elementi in campo, al 1’ del secondo tempo costringevano il direttore di gara a terminare la gara, in quanto non vi erano più le condizioni essenziali per proseguire. Fermo restando che la gara è stata omologata con il risultato finale di 12-1, resta l’amarezza sportiva di dover assistere, già alla settima gara d’andata, a un evento che non c’entra nulla con lo sport e giustificato dal presidente rosolinese come una protesta “bianca” nei confronti della FIGC. Non vogliamo addentrarci nei dettagli, ma la cosa certa, a prescindere dalle responsabilità di questa diatriba assurda, è la sconfitta dello sport e dei tanti sostenitori di calcio a 5 che sabato avevano assiepato le tribune del Pala Santa Rosalia. In termini sportivi, comunque, la squadra di mister Concetto Salone acquisisce i tre punti che gli consentono di riconfermarsi alla vetta della classifica del campionato di serie C2. “E’ stata una partita surreale che non ci consente di fare analisi – dice Concetto Salone – Dispiace, dopo poche giornate di campionato, dover assistere a queste situazioni che imbarazzano tutto l’ambiente del calcio a 5. Di buono restano i tre punti che ci consentono di riamanere in vetta alla classifica, dove siamo in condominio con il Sortino. Da martedì prepareremo l’importante trasferta di Villasmundo, intanto godiamoci questo buon momento”. Per la cronaca il Kamarina è andato a segno con Campo (doppietta), Occhipinti (tripletta), Denina (quattro reti, nella foto), Incorvaia e Vespertino.

Fabio Fichera


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Appalti più facili, Santa Croce ha la sua C.U.C.: sancito l’ingresso in Trinakria Sud

Ricordate la C.U.C.? Lo strano acronimo sta per Centrale Unica di Committenza, uno strumen…