Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Finisce in parità il big match della nona giornata del campionato di serie C2 di calcio a 5, fra il CS Kamarina e il Città di Sortino. Il 4-4 finale significa tanta amarezza per la squadra di mister Concetto Salone, giacché il pareggio degli ospiti è arrivato negli ultimi secondi di gioco per un’ingenuità difensiva che ha consentito al Sortino di portare via il punto. Dal lato sportivo e per quello che hanno fatto vedere entrambe le compagini, il pareggio, comunque, è sembrato il risultato più giusto, anche  se i locali recriminano perché si sono sentiti derubati della vittoria proprio quando se la sentivano in tasca. La cronaca. Davanti a più di duecento spettatori (con una piccola rappresentanza ospite) le due compagini, attualmente appaiate in testa alla classifica del girone D, si giocavano il primato. Pronti via e dopo dieci secondi il Kamarina era già in vantaggio, grazie a Federico Campo che sfruttava un assist di Incorvaia per ribadire la palla in rete. I locali spinti dal pubblico provavano ad affondare, ma il portiere ospite era in giornata. Così, al 20’ il Sortino ripianava il risultato con un bellissimo diagonale che spaventava i locali. Il Kamarina, infatti, accusava il colpo e porgeva il fianco agli avversari che diventavano sempre più pericolosi. Al 30’, infatti, arrivava il sorpasso del Sortino che chiudeva il primo tempo sul 2-1 e ammutoliva il Pala Santa Rosalia. Nella ripresa, Salone doveva fare a meno di Campo per una botta al ginocchio e affidava le sue speranze al pivot Alessandrà. Il giocatore vittoriese, seppur macchinoso, era sempre una spina nel fianco del Sortino che, comunque, fortunosamente, trovava al 35’ la rete dell’1-3. I locali non si disunivano e trascinati dal sostegno dei propri sostenitori attaccavano a testa bassa e con un strepitoso uno-due di Alessandrà, nel giro di un minuto, raggiungevano il pareggio sul 3-3. Gli ospiti scombussolati entravano in crisi e al 50’ un bolide di Licitra ribaltava la situazione e riportava i locali in vantaggio sul 4-3. Il Sortino s’innervosiva e metteva la gara sui binari della bagarre. I molti spezzettamenti del gioco infastidivano il pubblico e distraeva gli stanchi giocatori locali che si facevano sorprendere sugli sviluppi di un calcio di punizione e nei minuti di recupero concedevano il pareggio al Sortino.

Fabio Fichera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Calcio a 5, il Kamarina prepara la festa al Mascalucia: “Gara tosta, ma ci crediamo”

Due vittorie consecutive e un orizzonte di classifica incoraggiante: ma sarà il calendario…