Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

La procura di Ragusa ha aperto un fascicolo per omicidio volontario, contro ignoti, nell’inchiesta sulla morte di Loris Stival, il bambino di 8 anni trovato senza vita sabato pomeriggio a Santa Croce. Il fascicolo, hanno sottolineato i magistrati, è stato stato aperto “a titolo precauzionale” in attesa degli esiti definitivi dell’autopsia. Gli inquirenti cercano di ricostruire le quattro ore di buco – dalle 8.30 alle 12.30 – in cui sono perse le tracce del bambino. La mamma lo aveva lasciato a pochi metri da scuola, ma Loris non è mai entrato in classe. Che fine ha fatto?

Da un lato il silenzio e il dolore dei genitori, dall’altro il terrore e la vicinanza del popolo di Santa Croce. Una domenica da incubo, vissuta sul filo dell’incertezza. Le forze dell’ordine continuano a lavorare. Hanno svolto altri sopralluoghi nel punto in cui ieri, poco prima delle 5 del pomeriggio, è stato ritrovato Loris senza vita. Il corpo, rivenuto dentro un canale di scolo dell’acqua piovana, è stato sottoposto ad autopsia. Si aspettano i risultati, le bocche per ora sono cucite. Sembra improbabile che il bambino si sia allontanato da solo, per un tragitto così consistente, da scuola. E poi, per fare cosa? L’intera area è stata sottoposta a sequestro. La squadra mobile sta facendo alcuni accertamenti di routine anche sull’auto di Fidone, il primo soccorritore. Gli interrogatori continuano. Si cerca lo zainetto e la popolazione è stata invitata a collaborare: “Chi ha visto qualcosa parli, anche in modo anonimo”.

Loris, stando alle prime ricostruzioni, sarebbe morto in tarda mattinata, parecchie ore prima del ritrovamento. A Santa Croce è giunto anche il presidente della Regione Rosario Crocetta, che ha fatto visita ai familiari del piccolo, ormai esausti. La gente del posto ha reso omaggio al bambino con una fiaccolata in piazza, cui hanno aderito centinaia di persone. In attesa di far luce sull’accaduto, è il modo migliore per illuminare il ricordo del piccolo Loris.

IL RACCONTO DELLA GIORNATA MINUTO PER MINUTO

23:00 IL PADRE GIURA VENDETTA
“Perché prendersela con mio figlio invece che con me? Lo ammazzerò con le mie stesse mani”. Sarebbe questa la frase pronunciata da Davide Stival, padre del povero Andrea Loris, al suo arrivo in Questura a Ragusa. Lo riferisce l’agenzia di stampa Agi. Uno dei motivi della morte del bambino di 8 anni potrebbe essere, quindi, la ritorsione. Lunedì, intorno alle 12, dovrebbe tenersi una conferenza stampa in procura a Ragusa.

20:45 SEQUESTRARE L’AUTO DEL CACCIATORE
La Squadra Mobile ha sequestrato l’auto di Orazio Fidone, il cacciatore che sabato ha trovato il corpo di Loris in c.da Mulino vecchio, a pochi chilometri dal centro abitato di Santa Croce. Fonti investigative sottolineano che “tutta l’area del ritrovamento è sotto sequestro e accertamenti sono in corso anche sull’auto di Fidone perché era nella zona”. “Sono in Questura per collaborare alle indagini, e ho messo la mia auto a disposizione degli investigatori – ha detto Fidone -. La mia intenzione è di chiarire tutto nel più breve tempo possibile”. E ancora: “L’ho cercato in quel posto perché pensavo che era una zona dove nessuno sarebbe andato. La mia disponibilità a collaborare è massima”.

19:30 LA FIACCOLATA IN PIAZZA
Commozione, preghiere e un lungo applauso, con centinaia di persone strette attorno al parroco della chiesa San Giovanni Battista, Don Angelo Strada. Così, con una fiaccolata e una veglia di preghiera, Santa Croce ha ricordato Andrea Loris Stival, il bimbo di otto anni trovato morto in un canalone di contrada Mulino Vecchio.

19:00 LA FAMIGLIA NON VUOLE RILASCIARE INTERVISTE
Con un post apparso su Facebook, alcuni familiari di Loris Stival, pur confermando l’assoluta fiducia nel lavoro degli inquirenti, ha comunicato che non è più disposta a rilasciare interviste. Anche il papà e la mamma del bambino di 8 anni, durante un sopralluogo al Mulino vecchio, hanno respinto l’assalto dei cronisti. Ora è il momento del silenzio

17:40 APERTO FASCICOLO PER OMICIDIO VOLONTARIO
La procura di Ragusa ha aperto un fascicolo per omicidio volontario, contro ignoti, nell’inchiesta sulla morte di Loris Stival, il bambino di 8 anni trovato senza vita ieri a Santa Croce . Il fascicolo, hanno sottolineato i magistrati, è stato stato aperto “a titolo precauzionale” in attesa degli esiti definitivi dell’autopsia.

17:15 FINITA L’AUTOPSIA
Finita l’autopsia sul corpo di Loris Stival. La salma resta però a disposizione della Procura di Ragusa perché l’esame autoptico non è ancora considerato esaustivo. Il medico legale dovrà fare ulteriori accertamenti che potrebbero essere eseguiti domani mattina. Il bambino, comunque, potrebbe essere molto qualche ora prima del ritrovamento (quindi, in tarda mattinata). Gli operatori del 118 accorsi sul posto, infatti, lo hanno trovato in stato di rigor mortis avanzata. Il bambino, inoltre, avrebbe fatto un volo di 3 metri in un canalone di cemento.

14:55 IL SINDACO IURATO PROCLAMA IL LUTTO CITTADINO
“E’ il momento del dolore, del silenzio. Di una comunità che si stringe attorno alla famiglia. Per il resto è tutto ancora prematuro. Ho incontrato personalmente la famiglia per esprimere la vicinanza di una comunità dove ci si conosce tutti”. Il sindaco di Santa Croce, Franca Iurato, annuncia anche che il giorno dei funerali del piccolo sarà proclamato il lutto cittadino.

14:53 CROCETTA: “ANGOSCIATO COME FOSSE MIO FIGLIO”
“Mi sento angosciato, come se fosse morto mio figlio, anche se non ho figli. Quando ho appreso ieri la notizia ho interiorizzato il dolore e ho sentito la necessità di partecipare di persona il mio dolore e la mia vicinanza”. Così il presidente della Regione, Rosario Crocetta, durante il sopralluogo nella zona del ritrovamento del corpo del piccolo Loris.

14:25 LA PRESIDE: “NON E’ MAI ENTRATO IN CLASSE”
“Non è mai entrato a scuola, la madre sicuramente l’ha lasciato vicino l’istituto ma nessuno lo ha mai visto”. Giovanna Campo, dirigente dell’istituto scolastico Falcone-Borsellino, ha rilasciato una dichiarazione a ‘L’Arena’, trasmissione di Rai1: “Siamo tutti sconcertati – ha detto – speravamo si potesse trovarlo vivo. Se abbiamo paura? Dipende dai risultati delle indagini, qualsiasi altra ipotesi al momento è prematura. Nei prossimi giorni avvieremo un supporto psicologico per i ragazzi delle nostre classi”. Loris era solito bigiare scuola? “A noi non risulta” ha risposto la docente.

13:55 CROCETTA A CASA DEI FAMILIARI DI LORIS
“E’ un momento di condivisione del lutto. Riguarda in modo terribile e angoscioso i genitori, ma anche tutta la comunità, che è sempre stata trqnuilla e pacifica. Conosco la bontà di questa popolazione. Io ho vissuto per anni a Gela e conosco bene le dinamiche di questa comunità agricola, che lavora e produce. Siamo addolorati. Io sono qui per condividere questo lutto a nome del popolo siciliano, che di fronte a questa tragedia è sgomento. Chiediamo tutti di conoscere la verità. Non è il momento dei processi, ma di stringersi attorno ai familiari del piccolo”. Il governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Santa Croce Web uscendo dalla caserma dei carabinieri. Poi si è recato nella casa dei familiari del piccolo Andrea Loris, scomparso ieri all’età di 8 anni.

13:05 IN CORSO L’AUTOPSIA
E’ cominciata nell’obitorio dell’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa Ibla l’autopsia sul corpo del bambino di otto anni trovato morto ieri a Santa Croce.

13:00 UN TESTIMONE HA VISTO LORIS DOPO LE 9
Avrebbe visto Loris aggirarsi per le vie del paese, senza zainetto sulle spalle, dopo le 9. Un testimone, secondo quanto lasciano filtrare le fonti investigative, si sarebbe accorto del ragazzino. Si tratterebbe della nuora di un’amica del nonno. Polizia e carabinieri hanno anche visionato le riprese del sistema di sorveglianza di un panificio verificando che la mamma, dopo aver lasciato il figlio più grande, ha accompagnato all’asilo quello di quattro anni.

12:50 FIACCOLATA IN PIAZZA VITTORIO EMANUELE
Dovrebbe tenersi questa sera verso le 20, in piazza Vittorio Emanuele, una fiaccolata per ricordare la scomparsa del piccolo Loris e stringersi attorno alla sua famiglia.

12:15 LA ZIA: “QUALCOSA NON TORNA”
Ogni tanto andava in bottega a comprare delle cose per la mamma, era un bambino autonomo. Ma non può aver fatto 4 km a piedi, da solo, per arrivare al Mulino Vecchio. Qualcosa non torna”. Così la zia del piccolo Andrea Stival, in unadichiarazione resa a SkyTG 24.

12:10 RIPRESI I SOPRALLUOGHI
Sono ripresi da poco i sopralluoghi in c.da Mulino Vecchio, dove il piccolo Loris è stato trovato morto nella giornata di ieri. “Faremo il punto oggi pomeriggio – ha spiuegato il procuratore Carmelo Petralia – ma ai fini delle indagini sarà fondamentale l’esame autoptico che sarà effettuato dal medico legale Beppe Iuvara”.

12:05 INQUIRENTI: “PICCOLA LESIONE SUL VOLTO”
Una piccola lesione, con un ematoma sul volto. Sono gli unici dati emersi per il momento dall’accertamento medico-legale sul corpo del bimbo di otto anni. Polizia e carabinieri sottolineano che “tutte le piste restano ancora aperte e che non c’è un’ipotesi privilegiata”. Sul luogo del ritrovamento stamattina è stato deposto un mazzo di garofani bianchi accanto ad una stella di Natale bianca.

12:00 LA MAESTRA: “ERA UN BAMBINO SPLENDIDO”
“Era un ragazzino splendido, intelligente, vivace, socievolissimo”. Così la maestra Teresa Iacono descrive all’Ansa il ragazzino scomparso ieri e trovato morto in un mulino in disuso, a 3 km da Santa Croce. “Andava d’accordo con tutti, era voluto bene da noi insegnanti e dai suoi compagni”. Loris frequentava la terza elementare dell’istituto Falcone-Borsellino, la maestra Teresa lo segue dal secondo anno: “In prima elementare aveva un’altra insegnante”. La maestra ieri aveva il giorno libero, ma alle 12.45 ha ricevuto la telefonata dell’altra insegnate di Loris: “Loris è scomparso, la madre lo cerca, non è venuto a scuola”. Le si è gelato il sangue nelle vene: “Sono uscita a cercarlo anche io per ore, poi è arrivata quell’orrenda notizia. Non me ne rendo ancora conto”

11:40 PADRE FLAVIO AI BAMBINI: “STATE INSIEME”
“Dovete stare insieme, mai da soli: se vedete qualcosa che vi sembra strano rivolgetevi agli adulti, chiamate i genitori, un insegnante o un catechista. L’importante è vivere insieme agli altri”. Lo ha detto padre Flavio Maganuco, parroco della chiesa di San Giovanni Battista di Santa Croce Camerina, durante l’omelia di oggi rivolgendosi ai bambini. Il sacerdote ha auspicato che “la famiglia trovi la forza per andare avanti, nonostante questo grave dolore”. Un bambino ha letto una breve preghiera: “Tu che hai accolto lui tra i tuoi angeli dai a noi la pace e la forza per vivere nella fede e nel giusto”.

11:20 LO ZAINETTO SPARITO
L’attenzione degli investigatori, in queste ore, si sta concentrando sullo zainetto di Loris. Il bambino lo indossava nella mattinata di sabato, quando la madre lo aveva accompagnato a scuola, ma non è più stato visto in prossimità del luogo del ritrovamento del corpo. Lo zaino, come riferisce il capo della squadra mobile dott. Ciavola, è blu e a forma di ovetto, con una cinghia gialla e la scritta Toy Story.

11:00 POLIZIA E CARABINIERI ANALIZZANO VIDEOSORVEGLIANZA
Polizia e carabinieri stanno acquisendo e visionando le immagini di impianti di videosorveglianza di strutture vicino alla scuola, all’abitazione e ai luoghi in cui sarebbe potuto passare ieri Loris. Il provvedimento è stato disposto dalla Procura di Ragusa ed è stato firmato dal procuratore capo Carmelo Petralia e dal sostituto Marco Rota.

10:45 IL PADRE DI LORIS SENTITO IN QUESTURA
Il papà di Loris, un autotrasportatore milanese di 30 anni, è stato condotto in Questura dalla Squadra mobile di Ragusa per essere sentito come testimone. L’uomo ieri era vicino Roma e risulta estraneo ai fatti. La polizia spiega che sono interrogatori di routine. La mamma non può essere ancora sentita perché sta molto male ed è sotto shock.

10:30 IL GOVERNATORE CROCETTA A SANTA CROCE
Il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, è atteso al Comune di Santa Croce nelle prossime ore. Il governatore vuole sincerarsi personalmente di quanto accaduto.

10:25 UN AMICO: “TEMIAMO CI SIA UN ORCO”
“Un incidente? Non ci crediamo proprio, qualcuno deve essere stato: lui non si allontanava mai da solo, era un ragazzo tranquillo”. Christian, 18 anni, vicino di casa del piccolo Loris, lascia trapelare un’ipotesi sconcertante sulla fine dell’amichetto: “Ci potrebbe essere un orco, anche se qui una cosa del genere non è mai accaduta”. Il ragazzo conosceva il bambino dalla nascita perché vive da circa dieci anni nello stesso palazzo.

10:15 AUTOPSIA SUL CORPO DI LORIS
Carabinieri e Polizia, nelle prossime ore, terranno un nuovo sopralluogo in c.da Mulino Vecchio, dove è stato ritrovato il corpo di Loris, che nel frattempo sta per essere sottoposto ad autopsia. Il bambino si trova all’obitorio dell’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa Ibla.

10:00 FORZE DELL’ORDINE: “CHI HA VISTO, PARLI”
“Le forze dell’ordine raccomandano a tutti i cittadini di fornire eventuali dettagli utili per la prosecuzione delle indagini mediante segnalazioni, anche anonime, ai numeri d’emergenza 112 e 113 o recandosi presso un qualunque ufficio di Polizia”. E’ questa la richiesta ai cittadini di Santa Croce Camerina da parte delle forze dell’ordine sulla morte di Andrea Loris Stival, il bambino di 8 anni trovato cadavere nel Ragusano.

@ Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Martedì si riunisce il Consiglio: occhi puntati sulla “nuova” variante al Prg

Il Piano Regolatore Generale torna in Consiglio comunale. Nella seduta convocata dal presi…