biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Anche Loris ha il suo Babbo Natale: visite e commozione al mulino vecchio LE FOTO

0 163

Sono passate da poco le 2 del pomeriggio. Un’auto si ferma ai bordi della strada: scendono una mamma e il figlio piccolo. Avrà qualche anno più di Loris. Portano in mano una stella di Natale, l’ennesima. L’appoggiano con cura in mezzo alle altre. C’è anche Santa Claus. I fiori e i peluche, con qualche addobbo natalizio, creano dei giochi di colori che gelano il cuore. Perché non avrebbero mai dovuto esserci. Avremmo preferito vedere quel mulino ancora triste e silenzioso, e il tempo scandito solo dallo scorrere dell’acqua. Adesso, invece, è un via vai di bambini e genitori, semplici curiosi, anziani rispettosi che pregano in silenzio. Accostano, abbassano lo sguardo per un attimo. Si soffermano davanti ai numerosi messaggi, li leggono e danno un’occhiata a quel posto, dipinto come “orrendo”. La natura lascia spazio al ricordo, cupo e inaccettabile. Sono trascorse tre settimane e mezzo, ma si fatica a digerire l’accaduto. Ricacci il groppo in gola. Poi dal mulino al cimitero. Non fai in tempo a parcheggiare l’auto che già ti chiedono “dov’è Loris”. E’ impossibile non notare la sua tomba. La lapide sparisce sotto i fiori. La foto fa capolino, in alto. Messaggi ovunque: quello degli amichetti del taekwondo fa a pugni con la coscienza di ognuno. “Vai e insegna agli angeli a calciare”. Ma per andare in cielo era ancora troppo presto e darsi pace è sempre più difficile.

CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.