biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Veronica contro la sorella: “Mi infanga, ma l’ho vista solo quattro volte”

0 142

“In cella non mi manca nulla di materiale, ma le persone a me più care. Non vorrei trovarmi qui, perché amare i propri figli e il proprio marito non è reato. Hanno arrestato un’innocente! Questa purtroppo è la giustizia italiana”. Veronica Panarello, arrestata per l’uccisione del figlio Loris di otto anni, dal carcere di Agrigento scrive una lettera al padre Francesco. Il testo è stato reso noto da “Quarto Grado”, la trasmissione in onda su Retequattro. “Una mamma di un compagno di Loris di Modica – scrive Veronica – mi ha mandato delle foto di una recita del mio angioletto: il mio cuore ha pianto tante lacrime di sangue. Sapere che non potrò più riabbracciarlo è devastante. In cella ho un’ottima compagnia, il Vangelo, e sono sicura che Dio mi aiuterà ad affrontare le giornate, anche le più dure….”. Veronica Panarello nella sua lettera al padre parla anche del marito, Davide Stival, e del figlio minore: “Non ho più le braccia di Davide che mi avvolgevano facendomi sentire al sicuro ma solo le mie, per lottare, e il vostro sostegno. Nei miei sogni vedo la mia adorata famiglia unita e felice, Loris e Diego che mi chiamano ‘Mamma’, quella parola che non sento pronunciare dall’8 dicembre… Ogni volta non vorrei svegliarmi perché non è più tutto come lo vedo nei sogni. Il dolore è tanto, mi hanno strappato il cuore e me lo hanno restituito tutto pieno di ferite. Non ho ammazzato Loris ma l’ho amato immensamente”. “Se vedi Davide – conclude Veronica – digli che le mie braccia saranno sempre aperte e che vorrei vederlo insieme a Diego. Soffro di non poterli abbracciare”.

Non è mancata una nota polemica sulla sorella Antonella: “Vedere Antonella, mia sorella, che in televisione infanga la mia persona e poi si chiama il Brutto Anatroccolo. Questa è la persona che viene definita dalla magistratura “veritiera”, e questo è deludente. Lei dimentica che una madre mette i propri figli al primo posto, per dare posto a frasi piene di rancore e gelosia, mostrandosi in televisione. Con lei non c’è mai stato un buon rapporto, in otto anni e mezzo di Loris non è stata mai presente, lo ha visto 4/5 volte…”. Anche la chiosa è pungente: “Sono in carcere, ma la mia unica colpa è quella di amare la mia famiglia. Questa purtroppo è la giustizia italiana”.

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.