biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Il valore della medicina antroposofica per il malato MEDICINA NATURALE

0 117

La Medicina Antroposofica, disciplina olistica descritta intorno agli anni venti dal filosofo austriaco Rudolf Steiner (1861-1925) in collaborazione con un medico olandese, la dott.ssa Ita Wegman (1876-1943), viene spesso considerata difficile da comprendere e da applicare, e ciò ha un fondo di verità. Tuttavia, l’approccio fenomenologico alla salute e alla malattia che illustra le relazioni evolutive con le sostanze dei regni della natura, minerali o vegetali, è una porta di ingresso aperta a qualsiasi medico: antroposofo, omeopata, omotossicologo, fitoterapeuta o semplicemente interessato a gettare uno sguardo su un mondo che può offrire aiuti, piccoli o grandi ma sempre biologicamente sostenibili, a tutti gli individui che cercano aiuto.

La Medicina Antroposofica rappresenta un ampliamento della Medicina Convenzionale, che insiste su una tripartizione dell’uomo in tre poli: quello neurosensoriale, quello del ricambio e quello ritmico. L’origine delle malattie risiede nello squilibrio tra queste componenti. In una visione olistica, la Medicina Antroposofica mira a correggere l’equilibrio alterato del paziente nella sua totalità, stimolando la capacità di reazione internata nel suo organismo: il malato è considerato nella sua unicità e va aiutato a progredire nel suo sviluppo spirituale. La Medicina Antroposofica si avvale di sostanze naturali, strategie terapeutiche (euritmia, pedagogia, balneoterapia e terapie fisiche manuali ed artistiche) e suggerimenti dietetici.

(a cura di Giorgio Marcialis)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.