2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Uccise un ragazzo in scooter a Caucana, 24enne patteggia: 1 anno e 4 mesi

0 178

Ha patteggiato la pena pari a un anno e quattro mesi di reclusione, D.L. di 24 anni, la ragazza santacrocese che il 6 luglio del 2013 era alla guida di un’auto «Hyundai Atos» che si è scontrata, poco dopo le 22, con uno scooter sul corso Oceano Indiano, a Caucana, la strada che collega Punta Secca a Casuzze. Nell’impatto morì Antonio Basile, 16 anni ancora da compiere. Lo studente viaggiava a bordo dello scooter “Mbk” con direzione Marina di Ragusa mentre la donna, condannata per omicidio colposo con la sospensione condizionale della pena, in direzione Punta Secca. Ai soccorritori è parso subito chiaro che le condizioni del giovane ragusano erano gravissime visto che presentava delle estese ferite alla testa. Sul posto è arrivata l’autoambulanza del 118 che ha caricato lo studente a bordo, ma durante il tragitto verso l’ospedale «Civile» di Ragusa lo sfortunato ragazzo è deceduto.

Le indagini sono state affidate alla Polizia stradale ed hanno portato la conducente dell’auto davanti al Tribunale di Ragusa per il reato ipotizzato di omicidio colposo. La pena è stata applicata dal giudice delle udienze preliminari del Tribunale Claudio Maggioni dopo l’accordo tra le parti: il difensore della ragazza, l’avvocato Giovanni Favaccio, e il pubblico ministero Serena Menicucci. La famiglia dello studente non si è costituita parte civile. Antonio Basile aveva appena superato il quinto ginnasio al Liceo Classico Umberto I° di Ragusa e si era trasferito a mare con la famiglia per trascorrere la meritate vacanze.

(fonte GDS)

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.