Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

L’ufficio postale di Santa Croce è sempre nel mirino delle critiche. Ci è giunta la segnalazione di Simone Distefano, che ha deciso di denunciare il grave disservizio di cui è stato vittima la mattina di lunedì 24 febbraio. Ecco la sua ricostruzione: “Stamattina (ieri, ndr), intorno alle 9.30, mi reco presso gli uffici postali di Santa Croce Camerina. Da un bel po’ di tempo si nota la carenza di personale agli sportelli. Come potete notare dalla foto, su quattro sportelli ne è attivo uno e mezzo. In poche parole dovevo rifare una carta postepay per danneggiamento e per la perdita del PIN. Uno degli operatori non ha voluto avviare la pratica perché continuamente mi ripeteva di contattare il numero verde di poste italiane, e loro mi avrebbero aiutato a risolvere il problema. Tempo di attesa circa 4 giorni lavorativi. Tutto questo perché aveva la paura di sciuparsi al PC per la pratica e si sarebbe fermata la fila di 6 persone. Cioè non tutelano neppure le richieste, né i servizi e né i diritti dei cittadini. Squallidissimo. Allora, molto nervoso, mi reco alla posta di Marina di Ragusa, gli spiego velocemente il mio problema e in 15 minuti mi hanno avviato una nuova pratica, consegnandomi una nuova carta postepay. Impressionante… Pagati per non fare un c**** dalla mattina alla sera. E poi sento dire continuamente che lavoro non ce n’è… Forse sarebbe meglio dire che non ne hanno voglia di lavorare”.

3 Commenti

  1. ROSARIO VENTURA

    25 febbraio 2015 a 13:24

    Gentilissimo Signor Simone Distefano!!
    Le faccio prima di tutto presente che io vivo in Germania, da quasi 50 anni e grazie a Dio tutte queste problematiche non ci sono, e non ci sono mai state, anche perche’ lo stato Tedesco e’ al servizio dei cittadini e non i cittadini al servizio dello stato….
    Ha fatto bene di andarsene in un’altro istituto postale ed ha completato l’operazione, ma ha fatto male a non chiedere nome e cognome dell’impiegato, perche’ ne avrebbe parlato con il suo superiore, e propabilmente non avrebbe fatto piu’ ritorno nel suo pesto di lavoro…
    Le faccio ancora presente, che qua’ in Germania, funziona tutto magnificamente, non c’e’ ufficio che non e’ competente e nell’arco massimo di 5 minuti non sei fuori, vado all’ufficio motorizzazione per cambiamento di proprieta’,a parte che con 47 Euro faccio tutto, ma ci metto 10 minuti e non di piu’. In Italia funziona soltanto per i raccomandati e per quelli che hanno i soldi, questa cosa da noi non esiste, qua’ come viene servito un super ricco, allo stesso modo viene servito un normale cittadino, questa e’ una cosa bellissima……….

    Rispondi

  2. giuseppe

    26 febbraio 2015 a 12:25

    Mettiti al posto dell^operatore che deve fare da solo il lavoro previsto per quattro.Stava leggendo il giornale?facile prendersela con chi hai davanti quando il problema è di sistema e siamo forse tutti colpevoli.

    Rispondi

    • Luca

      27 febbraio 2015 a 12:43

      Giuseppe dobbiamo metterci al posto dell’operatore??? Credo che chiunque si rispecchia al posto dell’operatore e quello che si può dedurre è che le persone MENO ADATTE al ruolo di impiegati postali, è giusto che stiano a casa e lascino posto a persone più adatte.
      Se all’ufficio postale di Marina, hanno svolto correttamente il lavoro della postepay, vuol dire CHIARAMENTE che l’operatore di S.Croce, NON era in grado di svolgere quel lavoro!!!!!! Ulteriore perdita di tempo nell’ufficio postale di S.Croce

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Torna la Ciclolonga della Solidarietà: domenica alle 8.30 scatta Pedalavis

Pronti… VIA!!! Anche quest’anno è arrivato il tanto atteso appuntamento con “Pedalavis”, l…