Elettronica, Elettrodomestici, PC, Telefonia, Smartphone | Video Più Shop

Conosceva i rischi che una gravidanza avrebbe comportato. Nonostante ciò ha scelto la vita, quella del suo bambino, preferendo sacrificare la propria per donarla a suo figlio. E’ stato questo il grande gesto compiuto da una giovane modicana, Teresa Sammito, 32 anni, conosciuta come Tery, che purtroppo è deceduta mercoledì scorso all’Ospedale Cannizzaro di Catania, due giorni dopo avere messo al mondo il suo bambino. Alla donna, circa 5 anni fa, era stato diagnosticato un tumore non asportabile.

Fu sottoposta a chemioterapia. Lo scorso 30 aprile era convolata a nozze. I medici l’avevano avvertita sul rischio che correva in caso di gravidanza. Ciononostante la coppia aveva deciso di avere un figlio. Al quarto mese il ginecologo di fiducia aveva consigliato l’aborto. “Il Signore sa cosa fare”, aveva risposto la giovane. Nei giorni scorsi, al settimo mese, era stata ricoverata in ospedale a Ragusa ma, considerata la situazione, si era reso necessario il trasferimento in un centro più attrezzato, a Catania. Anche se con due mesi di anticipo, era stato deciso di fare nascere il bambino. Tery era entrata in sala parto “coi suoi piedi” ed il neonato era venuto tranquillamente alla luce, senza problemi per madre e figlio. Mentre il papà, Salvatore Spadaro, e i parenti all’esterno iniziavano a gioire, la notizia tragica: Tery aveva avuto un arresto cardiaco. I medici l’avevano “recuperata” e posta in coma farmacologico. Due giorni dopo un nuovo arresto cardiaco con conseguente emorragia cerebrale. Il prodigarsi dei sanitari, stavolta, è stato inutile. Il neonato ora è in incubatrice, nel nosocomio etneo, mentre il corpo della madre, che non conoscerà mai, è stato restituito al coraggioso papà per i funerali che saranno celebrati oggi alle 15 nel Duomo di San Giorgio.

(radiortm)

Un Commento

  1. salvo

    8 marzo 2015 a 16:29

    Il grande gesto di estrema generosità è la vera essenza dell’otto Marzo. Questa mamma e donna, meriterebbe di assurgere a simbolo,altro che mimose . Il Signore L’Avrà già accolta nel mondo giusti. Il tuo bambino, quando sarà cresciuto sarà orgoglioso di te.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

S.Croce: arrestata coppia di spacciatori, sequestrato mezzo chilo di droga

Ancora un’operazione antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Ragusa, che hanno esegui…