biancadinavarra
2184x268micieli
onoranzescillieri
attualmobili1350

Sicurezza, il dibattito infiamma i social: “Pronti alla giustizia fai da te”

0 176

E’ emergenza criminalità, ogni giorno, a Santa Croce e nelle zone limitrofe. Da Casuzze a Punta Braccetto, passando per Punta Secca, viene svaligiato un appartamento o compiuta una rapina ai danni di un’attività commerciale. Si discute molto tra i residenti, anche attraverso i social network, di  prevenzione, ma dalle proposte preventive ai toni di minaccia il passo è breve: “Viviamo nella paura e siamo disposti a farci giustizia da soli!” è il messaggio unanime di chi è decisamente sul piede di guerra e si sente sempre più insicuro a casa propria. Attraverso Facebook ogni utente, per mezzo del proprio account, si rende protagonista anche nei vari gruppi commentando gli ultimi fatti di cronaca e reagisce in modo diverso, ma rabbia e delusione, oltre all’impotenza davanti alle ingiustizie, sono atteggiamenti comuni; indiziati numero uno, a furor di popolo, risultano essere i gruppi di extracomunitari di varia etnia presenti nella comunità santacrocese. Il sindaco Francesca Iurato, più volte chiamata in causa sull’argomento, con una nota del 4 marzo resa pubblica attraverso l’account Facebook del Comune, ha informato di avere fatto già richiesta a sua Eccellenza il Prefetto per la convocazione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. L’arma più efficace ad oggi resta la prevenzione. A tal proposito vi proponiamo di consultare un valido vademecum anti-furti (www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/protezione-della-casa). In qualunque caso ricordiamo che i numeri di pronto intervento sono: 112 (Carabinieri), 113 (Polizia di Stato) e 117 (Guardia di Finanza).

Ricevi aggiornamenti in tempo reale direttamente sul tuo dispositivo, iscriviti ora.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.